QR code per la pagina originale

Vodafone, una promessa per 1000 comuni

Vodafone promette la copertura di un comune digital diviso ogni singolo giorno: 1000 comuni, 1 miliardo di euro di investimento. Il ministro Romani applaude

,

Un sito dedicato, un numero verde ed una grossa promessa: portare la banda larga in quelle zone ove Telecom Italia ha latitato, abbandonando così negli anni vasti territori alla schiavitù del 56k. Mille comuni entro tre anni, mille piccole grandi imprese al grido di “più Internet per tutti”:

La diffusione della Banda Larga è un fattore chiave per il futuro del Paese e incide in modo crescente sullo sviluppo della società e delle imprese, permettendo accesso a servizi Internet evoluti come e-commerce, Social Network, PA Digitale. Vodafone vuole contribuire allo sviluppo delle aree in Digital Divide investendo oltre un miliardo di euro per estendere la propria copertura Radio a Banda Larga (HSPA+ oggi e LTE tra 2-3 anni), fino ad arrivare a servire la quasi totalità della Popolazione Italiana


Per raggiungere il proprio obiettivo Vodafone intende far leva sugli strumenti che già a disposizione (Vodafone Station e Internet Key) e con questi portare la copertura radio in tutto il paese, addirittura con priorità assoluta per i paesi ad oggi totalmente esclusi dall’accesso a Internet con banda larga. Una sorta di rivoluzione, insomma, un modo per sfruttare il mobile per andare a tarpare quelle falle che ad oggi la copertura via cavo ha sparso nell’Italia di provincia. Un comune al giorno a partire dal 2011 per un totale di almeno 1000 comuni già tra gli obiettivi dell’azienda. Il tutto stanziando fin da subito 1 miliardo di euro con il quale completare la copertura nelle aree ancora prive di segnale

Vodafone invita la popolazione e le istituzioni locali a segnalare le situazioni di maggior difficoltà. Il riferimento principe è il numero verde 800-713-937, ove è possibile candidare la propria zona ad essere la prossima coperta da Vodafone per poter fruire della banda sulla base delle nuove pianificazioni annunciate.

Una volta coperto il territorio, Vodafone offrirà ai cittadini abbonamenti da 34 euro/mese consistenti in 10 ore di navigazione casalinga tramite Vodafone Station, 30 ore di navigazione mobile con Internet Key, 16cent/min per le chiamate verso i fissi nazionali e 6cent/min verso i numeri Vodafone. Con abbonamento da 44 euro/mese si avranno chiamate illimitate verso tutti i fissi comprese nel prezzo.

Questi i principali riferimenti sul sito ufficiale Vodafone dedicato al progetto “1000 comuni”:

Nel momento in cui l’azienda promette 84Mbps entro il 2012 nelle aree già coperte dal servizio, a godere della muova copertura sarà invece l’Italia affossata dal digital divide e che da tempo attende una qualche risposta dai carrier nazionali. Il plauso immediato all’iniziativa giunge direttamente dal nuovo Ministro per lo Sviluppo Paolo Romani, il quale da tempo pianifica i passi che l’Italia può e deve compiere per giungere ad una copertura completa del territorio:

Apprezziamo molto che una grande multinazionale investa nel nostro Paese per la riduzione del digital divide mobile. Ho sentito anche qesta mattina l’a.d. Paolo Bertoluzzo e questi investimenti sono in linea con il piano Romani

Il ministro ha inoltre promesso entro pochi giorni il completamento del memorandum of understanding siglato con tutti gli operatori del settore: un punto di partenza, nulla di più, attorno al quale però sembrano iniziare a fluire i primi investimenti concreti.

Questo il comunicato (pdf) diramato da Vodafone Italia relativamente al progetto:

In Italia il 12% della popolazione, pari a circa 7 milioni di cittadini, è in digital divide: non ha accesso a Internet a velocità sufficiente per fruire dei più moderni servizi di comunicazione elettronica (PA Digitale, Social Network, e-commerce, ecc.). In particolare si può stimare che oggi ci siano circa 1.800 comuni italiani che sono privi di banda larga.

Vodafone estenderà la propria copertura radio fino a coprire la quasi totalità dei comuni italiani, oltre in parallelo a continuare ad investire sul miglioramento della qualita’ e copertura di rete dove è già presente.

Nell’ambito di questo piano di investimenti Vodafone annuncia il progetto “1000 Comuni” e si impegna a partire da gennaio 2011 a coprire almeno un comune al giorno nei prossimi tre anni fino a un totale di 1000, privilegiando quelli totalmente privi di accesso in banda larga.

Il cittadino potrà avere accesso, sia all’interno delle abitazioni che in mobilità, ad Internet ad almeno 2Mbps, velocità più che adeguata per tutte le applicazioni più diffuse. Le comunità locali coperte dal Progetto “1000 comuni” potranno accedere ai servizi di comunicazione elettronica e di Pubblica Amministrazione digitale mentre le piccole aziende, gli artigiani e i commercianti potranno finalmente cogliere le opportunità di business dell’economia digitale.

La tecnologia radio è la più adeguata ad eliminare il digital divide perchè nelle zone più isolate del Paese permette prestazioni paragonabili alla banda larga fissa, è totalmente compatibile con i più moderni e diffusi dispositivi di comunicazione sia in casa che in mobilità (es: smartphone, tablet ), soddisfa criteri di efficienza dei costi, permette una rapida velocità di implementazione.

Già oggi la rete di Vodafone è dotata di tecnologia HSDPA a 14.4 Mbps sulla quasi totalità della rete mobile di terza generazione, e, con il servizio HSPA+ già avviato nelle grandi città raggiungerà i 21.6 Mbps-28.8 Mbps, prevedendo 42 Mbps entro il 2011, 84 Mbps nel 2012, ed ha già sperimentato con successo la nuova tecnologia LTE che permetterà ulteriori evoluzioni fino ad oltre 100 Mbps.

Vodafone invita Cittadini e rappresentanti delle Istituzioni a partecipare al progetto segnalando l’interesse delle proprie comunità ad avere accesso internet veloce lasciando un messaggio al numero verde 800-713-937 o consultando il sito web Progetto “1000 Comuni” www.1000Comuni.vodafone.it. Inoltre sul sito sarà possibile informarsi, aggiornarsi sui comuni coperti e seguire l’evoluzione dell’iniziativa.

Il progetto “1000 Comuni”, reso possibile anche grazie ai processi legislativi e regolamentari che Governo e Agcom hanno recentemente adottato in termini di semplificazione ed uso efficiente delle frequenze, raccoglie il forte stimolo che queste Istituzioni hanno rivolto agli operatori privati ad investire per il superamento del digital divide, e vuole dare un contributo rilevante e concreto al “Piano Nazionale Banda Larga” del Ministro allo Sviluppo Economico Paolo Romani.

“Crediamo che la diffusione dei servizi e degli strumenti più avanzati di collegamento ad Internet renderà indispensabile, per lo sviluppo della società e della economia dei Paesi, avere accesso a banda larga di qualità ovunque – ha commentato Paolo Bertoluzzo, Amministratore Delegato di Vodafone Italia. Continuiamo a partecipare attivamente al grande dibattito sul fronte della rete di nuova generazione in fibra collaborando con Governo ed Autorità e confermiamo la nostra disponibilità ad investire in una operazione di sistema. Allo stesso tempo abbiamo deciso di accelerare il nostro piano di investimenti e portare la banda larga dove ancora non c’è, superando il divario digitale. Siamo orgogliosi di lanciare il progetto “1000 Comuni” – ha concluso – quale strumento nuovo e moderno che parte dal coinvolgimento e dalle esigenze delle comunità per portare innovazione e servizio al Paese”.

Notizie su: