QR code per la pagina originale

Buon Natale, Xbox 360

L'ecosistema Xbox 360 giunge lanciato alla sfida di Natale presentandosi in netto vantaggio rispetto alle rivali PlayStation e Wii

,

Microsoft augura un buon Natale alla propria console e l’augurio sta già per trasformarsi in certezza: sarà sicuramente un buon Natale per la Xbox 360. La console di Redmond arriva infatti lanciata all’appuntamento e tutto lascia preludere ad una vittoria indiscutibile che rischia di scavare un profondo solco nel settore del gaming.

I dati di mercato del mese di settembre indicano per la Xbox una nuova ennesima vittoria sulle dirette concorrenti sul mercato USA. La console ha infatti venduto 484 mila unità in un mese, confermandosi leader per il quarto mese consecutivo e crescendo del 37% rispetto al settembre 2009 e del 36% rispetto all’agosto 2010. La Sony PlayStation è al secondo posto: buona la crescita rispetto al mese di agosto (+36%), ma pesante è il capitombolo rispetto ad un anno fa (-37%). Al terzo gradino del podio la console che ha rovinato i piani dei due grandi contendenti negli anni passati: Nintendo Wii cade del 45% rispetto al settembre 2009 e perde anche un ulteriore 4% rispetto al mese passato: solo 254 mila le unità vendute per un prodotto che non ha saputo rinnovarsi prima di esaurire il proprio esplosivo ciclo di mercato.

Per Microsoft tutti i dati sono rose e fiori. C’è sul mercato una nuova console; c’è Kinect, apparentemente esaurito prima ancora di essere arrivato sul mercato; c’è un gioco esclusivo cone Halo a dominare un settore altrimenti alle prese con una congiuntura negativa (-8% rispetto ad un anno fa secondo i dati NPD); c’è un’offerta di contenuti crescenti che potrebbe ora riverberare effetti positivi anche grazie alla Xbox Live ed a Zune in mobilità.

Chi la dura la vince: Microsoft ha adottato questa politica fin da quando con la Xbox 360 ha osato sfidare l’impero PS2 prima e la rivelazione Wii poi. Ora, quando la grande battaglia di Natale sta per iniziare, tutti gli indizi provenienti dagli USA lasciano preludere ad una sfida che si prospetta impari.