QR code per la pagina originale

Gli italiani cercano casa online

Ben tre milioni di italiani utilizzano il web per cercare un appartamento, sia attraverso il PC che con lo smartphone, con notevole risparmio di tempo

,

Il web è diventato uno strumento sempre più utilizzato nel mondo immobiliare: oltre 3 milioni di italiani infatti ogni mese se ne servono per acquistare o affittare una casa. I dati emergono da uno studio condotto da Immobiliare.it, che ha tra l’altro evidenziato i motivi di tale scelta e i momenti in cui gli abitanti del Bel Paese preferiscono cercare un’abitazione online.

3 milioni di utenti significano un aumento rispetto al 2009 del 39% nelle ricerche di un immobile tramite il Web, e ciò è dovuto non solo alla gran quantità di informazioni che è possibile trovare con uno strumento potente qual è Internet, ma anche al fattore comodità. Chi cerca una casa in questo modo riesce a visitare virtualmente circa 500 immobili, cosa che di persona sarebbe difficilmente possibile. Facendo veri e propri tour virtuali degli appartamenti interessanti, visualizzando le foto che solitamente vengono allegate negli annunci di vendita e guardando video di presentazione degli interni ove disponibili, l’acquirente riesce a fare una prima scrematura che gli consente di recarsi di persona solo in 9 abitazioni circa prima della scelta definitiva.

Il maggior numero di ricerche avviene il lunedì e durante gli orari di ufficio, ma i picchi vengono registrati in corrispondenza delle pause lavorative, anche se si ha chiaramente meno tempo a disposizione per trovare l’abitazione ideale. Fanno eccezione la Sicilia, Toscana, Puglia e Sardegna, regioni in cui si preferisce cercare casa durante il fine settimana. Il 58% di chi visita i portali immobiliari è donna, tranne in Sardegna dove il 62% delle ricerche vengono effettuate dagli uomini. Piccola curiosità risiede poi nel fatto che nei periodi di vacanza le ricerche online delle case si fermano quasi completamente ad agosto e dicembre viene infatti registrata una battuta d’arresto, mentre i picchi vengono evidenziati nei mesi di settembre e gennaio.

Il discorso cambia quando si considerano le ricerche effettuate sul mobile. Solitamente chi cerca un appartamento con lo smartphone lo fa solo per 3 minuti, mentre i tempi aumentano notevolmente dalle 18 alle 19, fascia oraria in cui solitamente si ritorna a casa e si cerca l’abitazione perfetta con maggior comodità.

Notizie su: