QR code per la pagina originale

Anche Mozilla si schiera contro Apple

Mike Beltzner, a capo del team di sviluppo di Firefox, sbotta su Twitter puntando il dito contro Apple: vogliono bypassare il Web

,

Prima ci ha pensato RIM, quindi Android, inoltre TweetDeck. Ora è Mozilla a schierarsi contro Steve Jobs replicando con somma fermezza alle parole proferite prima in occasione dell’annuncio della trimestrale di cassa del gruppo e poi in occasione del “Back to the Mac” dedicato a Mac OS X Lion e le altre novità in arrivo da Cupertino.

I messaggi sono archiviati su Twitter sull’account @beltzner gestito dal Mozilla director of Firefox development Mike Beltzner. Si tratta di una sequenza di stilettate che prima stigmatizzano il modo in cui Apple sta pensando di bypassare il Web trasformando tutto in applicazioni, quindi segnala il modo in cui il sito Web dell’azienda è stato sviluppato per sottolineare il modo in cui Cupertino usi la propria tecnologia per tagliar fuori le soluzioni altrui.

Il dito è puntato contro le App che verranno sviluppate per i Mac: secondo Beltzner Apple sta cercando di forzare la mano percorrendo una via esattamente contraria a quella avviata da Mozilla: app per un sistema chiuso contro un Open Web App aperto, due filosofie opposte e del tutto inconciliabili.

Il dito è puntato inoltre su Apple.com e sul modo in cui gestisce i CSS: Firefox 4 beta 6 è tagliato fuori proprio in seguito al modo in cui Apple ha progettato le proprie pagine, il che presuppone un primo strappo nei rapporti tra le parti.

I tweet di Mike Beltzner, segnalati da The Register, non sono frutto di una presa di posizione ufficiale da parte di Mozilla, ma sono piuttosto il semplice sfogo di un alto responsabile dell’area Firefox che vede ciò che sta succedendo e sbotta in un proprio spazio personale. La temperatura però sale inevitabilmente: Apple ha scelto di usare la forza e per meglio adeguare il contesto ai propri prodotti sta imponendo una certa filosofia che non tutti nell’ambiente accettano di buon grado. RIM, Android, TweetDeck e Mozilla hanno già manifestato le rispettive opinioni.

Notizie su: