QR code per la pagina originale

Viacom assume il super avvocato Theodore Olson

Nel processo Viacom contro YouTube, l'associazione dei media americani ha messo in campo il famoso avvocato Theodore Olson

,

La querelle Viacom-YouTube sembra non essere finita, e si appresta ad iniziare un nuovo capitolo. Per riassumere quanto è successo in passato, Viacom, ovvero l’associazione dei grandi media statunitensi che comprende aziende del cinema e della televisione, ha accusato YouTube di violazione di copyright e favoreggiamento della pirateria. All’inizio di quest’anno, Viacom ha subìto una importante sconfitta. Ma questo non ha convinto l’associazione a desistere con il portare avanti la causa, dato che ha recentemente assunto Theodore Olson, ovvero uno dei più influenti avvocati d’America.

Olson è riuscito a vincere importanti cause nel corso della propria carriera: tra le tante basti citare il caso Bush contro Gore, che decise la contestata assegnazione della Florida a favore di colui che è poi diventato Presidente degli Stati Uniti, o il caso Perry contro Schwarzenegger sui matrimoni omosessuali.

Viacom, quindi, si appresta ad avviare un ricorso che dovrebbe iniziare il 3 dicembre. Già questo rappresenterebbe una piccola vittoria per Viacom, che può in questo modo riaprire il caso. Il gruppo non si è insomma arreso alla sentenza che ha stabilito il fatto che YouTube è protetto dalla Digital Millennium Copyright Act (DMCA) e pertanto non può essere accusato di violazione di copyright.

Ma la vicenda sembra essere ben più complicata del previsto: Google ha presentato una mozione contro gli appelli di Viacom, per evitare ad entrambe le parti inutili sforzi raddoppiati e rendere così le sentenze più semplici. Ma Viacom, da parte sua, si è opposta a questa mozione. Ora tocca alle due parti presentare le proprie argomentazioni. Non è inutile ripetere che, sulla base alle sorti di questo processo, molte delle realtà della rete attuale, per come sono conosciute ad oggi, potrebbero cambiare.

Notizie su: