QR code per la pagina originale

Windows 8 avrà natura cloud e piena integrazione con Windows Live

,

La sua data di uscita è indicativamente prevista per il 2012, quindi manca ancora un po’ di tempo, ma di Windows 8, il futuro sistema operativo Microsoft destinato a raccogliere l’eredità dell’attuale Windows 7, circolano da tempo in Rete diverse indiscrezioni.

Le più recenti sono legate ad alcuni annunci di lavoro che l’azienda di Redmond ha attivato nei giorni scorsi e in cui si rivelano, tra le righe, alcuni dettagli riguardanti proprio il futuro sistema operativo.



Windows 8
, o quale sarà il suo vero nome, sarà probabilmente fortemente caratterizzato da una natura cloud, ovvero orientata a sfruttare la piattaforma per il cloud computing Windows Azure su cui dalle parti di Redmond punteranno moltissimo nei prossimi anni.

Uno degli annunci pubblicati spiega infatti:

Stiamo lavorando attualmente su un servizio basato su Windows Azure e all’integrazione con alcuni servizi online di Microsoft e il client di backup di Windows 8.

Pertanto sembra di poter ipotizzare come Windows 8 sarà dotato di un apposito client in grado di effettuare il backup automatico dei dati direttamente sulla “nuvola”, cercando in qualche modo di stabilire una simbiosi tra il futuro sistema operativo e la propria piattaforma di servizi cloud.

Per Windows 8, Microsoft sembra intenzionata a compiere un’integrazione maggiore, rispetto a quanto fatto finora, anche per quanto concerne i servizi Windows Live. Un altro annuncio infatti recita:

Windows Live progetta e gestisce alcune delle applicazioni Web più grande del mondo. Siamo una Cloud Directory Platform e i nostri servizi sono utilizzati da Windows Live, Office, Windows Mobile, Xbox, Bing e i siti di proprietà MSN. […] Il nostro servizio supporta centinaia di milioni di utenti che vogliono scambiarsi miliardi di messaggi istantanei, foto ed email ogni giorno. […] vogliamo integrare i nostri servizi online in Windows 8.

Come e quando i servizi Windows Live saranno integrati in Windows 8 non è dato sapersi, ma quel che appare certo è che il futuro nato in casa Windows per Microsoft non sarà solamente il prodotto con cui cercare di mantenere le proprie quote sul mercato dei sistemi operativi, ma rappresenterà il veicolo ideale per promuovere e diffondere i propri servizi, dimostrando come a Redmond siano evidentemente ben consapevoli che la partita non gioca adesso su più livelli e non più solamente sul piano del software come avveniva fino a qualche anno fa, ovvero quando Microsoft riuscì a costruire quasi un suo monopolio.

Notizie su: