QR code per la pagina originale

Dell, il primo mal di pancia di Windows Phone 7

Il Dell Venue Pro soffre di due problemi: uno alla batteria, uno con le reti Wi-Fi. Ma Dell promette immediata sostituzione

,

Se Atene piange, Sparta non ride. Se Apple soffre di Antennagate e Glassgate (nonchè dei problemi irrisolti della sveglia), Windows Phone 7 soffre i suoi primi mal di pancia per causa, però, altrui: Dell infatti è colta per due volte in fallo nel giro di pochi giorni ed in entrambi i casi sul modello Dell Venue Pro.

Lo smartphone, peraltro tra i migliori in assoluto in ambito Windows Phone 7, soffre di un duplice problema: in primis una distribuzione errata che avrebbe portato tra le mani degli utenti non device finiti, ma prototipi che avrebbero dovuto rimanere confinati alla fase di sviluppo; inoltre un problema di connettività che impedisce al telefono di connettersi alla reti Wi-Fi protette (elemento del tutto inaccettabile per uno smartphone, la cui utilità è sempre più legata al Web ed in ambiente casalingo necessitante pertanto di connettività gratuita tramite il router protetto di casa).

Il primo problema è stato segnalato dagli utenti The Next Web, i quali avrebbero ricevuto i propri Dell Venue Pro con una batteria sulla quale era chiaramente indicato un esplicito “Engineering Samples. Dell spiega con apposito post che tali batterie non sono di qualità inferiore a quelle ufficiali, ma si presta ad una sostituzione gratuita delle stesse nel caso in cui l’utente preferisca non fidarsi.

Il secondo problema è stato invece segnalato da Boy Genius Report. Alcuni Dell Venue Pro soffrirebbero infatti di un problema (che Dell nega però possa essere ricollegato al sistema operativo Microsoft) che rende impossibile la connessione a talune reti Wi-Fi protette. Anche in questo caso Dell intende però agire in modo radicale: i device difettosi saranno immediatamente sostituiti per coloro i quali si presenteranno nei Microsoft Store a chiedere assistenza.

Sembra chiaro, secondo tali indicazioni, quanto Dell voglia ben figurare di fronte alla propria clientela: l’azienda ha garantito immediata e totale assistenza, promettendo la sostituzione delle componenti fallaci e rivelando in tal senso grande attenzione al feedback ed all’impatto di tali problemi sul mercato.  WP7 per ora ne esce vergine e può continuare a correre per tentare di farsi largo sul mercato per occupare un posto al sole, al fianco dei big del momento.

Notizie su: