QR code per la pagina originale

In Dragon Age 2 un punto di vista unico sulla narrazione della storia di Hawke

Il nuovo titolo sarà diverso dal suo predecessore anche nella narrazione

,

In un’intervista apparsa su CVG, Mike Laidlaw, lead designer del gioco, spiega alcune delle differenze che caratterizzeranno questo sequel rispetto al suo predecessore, in termini sia di trama che di gameplay.

Un primo elemento importante riguarda ovviamente la narrazione: nel primo gioco ci si occupò principalmente di gettare le basi di un mondo nel quale si sarebbero svolte storie fantastiche, e di conseguenza, trattare la trama di Hawke è sembrato lo sviluppo più logico possibile.

Il racconto di questa storia sarà affidato a narratori che in una certa misura prenderanno parte alle vicende narrate, rivelando il proprio punto di vista e finendo con l’essere influenzati, in questo, dalle scelte stesse operate dai giocatori. Ciò conferirà al tutto, nelle intenzioni degli autori, una sensazione di maggior realismo.

Quanto alla giocabilità, la versione per PS3 risentirà positivamente delle modifiche apportate al sistema di combattimento, più spettacolare e immediato che in precedenza. Il controllo sul gruppo di personaggi risulterà inoltre maggiore, grazie all’inserimento di elementi tattici già presenti nella versione per PC.

Previsti infine numerosi DLC, sebbene non sia stato ancora deciso nulla sull’esatto metodo di pubblicazione.

Notizie su: