QR code per la pagina originale

The Daily, mezzo Murdoch e mezzo Jobs

Il Daily è un progetto pensato congiuntamente da Rupert Murdoch e Steve Jobs

,

The Daily, il nuovo esperimento editoriale che dovrebbe prendere piede già entro le prossime settimane, non sarebbe tutta farina del sacco di Rupert Murdoch (come ipotizzato nelle settimane scorse), ma sarebbe piuttosto frutto di una stretta collaborazione tra il magnate australiano e Steve Jobs.

L’interesse, del resto, è comune: Jobs otterrebbe un importante contenuto da proporre in esclusiva agli utenti dell’iPad, mentre Murdoch avrebbe sottomano un prodotto innovativo con il quale tentare l’avanzata nell’avanguardia del mondo del giornalismo in digitale. Il Daily sarebbe focalizzato su informazione incentrata sugli USA e sarebbe offerto esclusivamente tramite download: nessuna versione cartacea, quindi, ma soltanto una distribuzione esclusiva per iPad al costo di appena 1 dollaro a settimana.

Secondo le ultime informazioni trapelate la News Corp avrebbe investito nel progetto una redazione da 100 giornalisti probabilmente capitanati da Jesse Angelo, già uomo Murdoch e compagno di scuola del figlio. Difficile fare previsioni, ma l’idea di Murdoch sembra basare le proprie prospettive su una semplice valutazione: se soltanto il 5% dell’utenza iPad si abbonerà, il Daily avrà già 2 milioni di lettori. Le entrate saranno presumibilmente derivanti dalla commistione di abbonamenti ed entrate pubblicitarie, per le quali Apple potrà mettere in campo la propria offerta iAd.

Murdoch si è detto da tempo entusiasta dell’iPad poichè ha visto nel tablet di Cupertino la svolta necessaria per passare dalla carta ai bit pur non rinunciando a talune peculiarità del giornalismo e del modello di business incarnato nei decenni passati. Murdoch vede nell’iPad la chiave di volta, l’elemento che mancava. Per questo motivo ha accettato la collaborazione di Steve Jobs per un accordo di sicuro vantaggio reciproco.

Potrebbe essere l’inizio di un nuovo modo di pensare il giornalismo. Oppure potrebbe essere un nuovo ennesimo progetto soffocato dai limiti in cui nasce: un solo tablet, un solo marketplace. Sicuramente, in ogni caso, un progetto di enorme importanza.

Fonte: Guardian • Notizie su: ,