QR code per la pagina originale

Gli italiani e la tecnologia

Secondo una ricerca condotta dall'ISTAT, nel 2010 quasi la metà della popolazione sopra i sei anni ha dichiarato di aver navigato nella grande Rete

,

Gli italiani e i nuovi mezzi di comunicazione, un rapporto che va pian piano consolidandosi, anno dopo anno, nonostante le sempre presenti barriere architetturali dovute a un’infrastruttura non certo d’eccellenza. È quanto emerge dai dati diffusi lo scorso venerdì dall’ISTAT, raccolti nell’Annuario Statistico Italiano 2010, liberamente consultabile sulle pagine del sito ufficiale.

Snocciolando le informazioni raccolte, si evidenzia una significativa crescita nel numero dei connazionali sopra i tre anni che utilizzano un computer (51%, rispetto al 47,5% del 2008) e in quelli con un’età superiore ai sei anni che navigano nel sempre più affollato mare di Internet (48,9%, contro il 44,4% di due anni fa). Dal report emerge poi che la fascia d’età nella quale si registra il maggiore utilizzo di questi strumenti è compresa tra i 15 e i 17 anni, con un picco che raggiunge il 91,7%, mentre anche tra gli over 65 si registra un progressivo incremento nella percentuale, passata dal 9,9% al 13,7% in soli dodici mesi. Salendo ancora anagraficamente, sopra i 75 anni, solo il 2,7% pare aver abbracciato le nuove tecnologie.

Da un punto di vista prettamente territoriale, invece, l’Italia si divide tra il 55% dei residenti al nord abitualmente utilizzatori di un terminale, il 53,1% delle regioni centrali e il 44,6% del Mezzogiorno. Le cifre variano di pochi punti se si prendendo in considerazione i dati relativi all’utilizzo dei servizi Internet, fermi rispettivamente a 52,6%, 51,3% e 42,7%.

Resta invece una priorità il possesso del cellulare, presente nell’87,7% delle case italiane del nord, nel 90,4% di quelle del centro e nell’84,7% delle famiglie residenti al sud. A tal proposito, sarebbe risultato interessante analizzare le informazioni (non disponibili) relative alle tipologie di telefoni più diffuse, per meglio comprendere l’accoglienza riservata ai dispositivi di nuova generazione come gli smartphone, ormai in grado di offrire un accesso alla Rete di qualità equiparabile a quella delle più tradizionali alternative desktop e laptop.

Fonte: ISTAT • Notizie su: