QR code per la pagina originale

Wikileaks: spulciare il Cablegate con Google

,

A differenza dei War Logs, stavolta Wikileaks, per il suo Cablegate, ha scelto di pubblicare online, gradualmente, tutto il materiale. Significa che leggeremo ancora per molte settimane di indiscrezioni e reazioni ai dispacci diplomatici americani pubblicati dal sito di Julian Assange. I giornali di tutto il mondo spulciano questi documenti per professione, ma come può fare un cittadino comune, un blogger, chiunque sia interessato, senza perdersi in questa montagna di bit?

Il primo giornale ad averci pensato è il Newsweek che ha scritto una guida intelligente. Perché ci sono due livelli di utilizzo di questa documentazione: quella mediata e quella diretta.

Nel primo caso, ci si può affidare tranquillamente all’ottimo lavoro delle testate giornalistiche che hanno per prime avuto in mano i dati: allora potremo utilizzare la mappa interattiva del New York Times, quella del Guardian oppure quella più ricca dello Spiegel, che avevamo già linkato in un post precedente.

Se però avete curiosità più specifiche, ad esempio sulle vicende italiane, è molto più efficace utilizzare i motori di ricerca. Ce n’è uno realizzato appositamente, rpgp.org/cable, ma non bisogna dimenticare il caro vecchio Google.

Il motore di Big G dà il suo meglio con il comando “site”, quindi, basta digitare:

site:cablegate.wikileaks.org + parola chiave

Se ad esempio siete curiosi di leggere coi vostri occhi i pareri su Silvio Berlusconi estratti dal materiale di Wikileaks, basta cliccare qui.

Naturalmente, bisognerà digitare questa ricerca ciclicamente, per non perdere gli aggiornamenti. E seguire Twitter sarà un ottimo viatico, così come seguire sul microblogging il dibattito con l’hashtag #cablegate.

Notizie su: