QR code per la pagina originale

Per gli e-reader si prospetta un buon 2011

I dati pubblicati da Gartner per il mercato e-reader sorridono ai produttori: il 2011 potrebbe essere l'anno della consacrazione

,

Il mese di dicembre è periodo di bilanci e proiezioni per il futuro. Quelle del mercato degli e-reader sembrano sorridere ai vari produttori che, stando ai dati raccolti e pubblicati dagli analisti di Gartner, potranno contare su una crescita piuttosto consistente nel corso del 2011. Il 2010 non è stato da meno, nonostante l’avvento dei tablet.

L’anno ormai giunto agli sgoccioli ha visto una crescita degli e-reader con un tasso di incremento pari all’80% rispetto al 2009: i dispositivi globalmente venduti sono passati dai 3,6 milioni dello scorso anno agli attuali 6,6 milioni. Tale cifra sembra destinata a crescere ulteriormente nel 2011, secondo Gartner, fino a raggiungere quota 11 milioni di unità (+68% rispetto al 2010). A trainare l’intero mercato è quello che può essere ritenuto il capostipite dell’intera generazione di lettori digitali, il dispositivo che ha aperto la strada verso nuovi obiettivi: il Kindle di Amazon detiene da solo circa il 50% dell’intero panorama e-reader, rappresentando la soluzione ad oggi più apprezzata dagli utenti.

Non è una sorpresa, poi, il collocamento del Nord America al vertice della classifica delle aree con il maggior numero di e-reader venduti: i cittadini a stelle e strisce hanno acquistato i due terzi dei dispositivi prelevati dagli scaffali dei negozi di tutto il mondo e tutto ciò anche in virtù del fatto che possono godere del maggior parco ebook al mondo. Entro la fine del 2010 USA e Canada raggiungeranno quota 4 milioni di unità, a conferma del notevole gradimento in tali aree dei device in grado di trasformare i libri in pixel, le pagine in bit e la carta in schermo.

Per il futuro Allen Weiner indica quale possa essere la strada in grado di condurre verso una diffusione ancora maggiore degli e-reader, il cui principale vantaggio rispetto ai tablet risiede nel costo sensibilmente inferiore: secondo Weiner i produttori devono puntare proprio su tale aspetto, fornendo prezzi competitivi per farsi largo nell’affollato mercato dei dispositivi mobile. Un mercato che vede sì tablet ed e-reader su due fronti profondamente diversi per target, funzionalità e scenari di utilizzo, ma nel quale gli utenti sono spesso costretti a scegliere solo uno dei due per semplice esigenze di economia domestica.

Fonte: ComputerWorld • Notizie su: