QR code per la pagina originale

La Polizia dello Stato su iPhone e iPad

La Polizia dello Stato ha distribuito su App Store la propria applicazione ufficiale per iPhone ed iPad

,

La ricerca di una maggiore comunicazione con la cittadinanza ha portato i servizi della Polizia dello Stato anche su iPhone ed iPad:

Dopo il computer, la Polizia prosegue nel confronto con le nuove tecnologie e di comunicare con tutti mettendo a disposizione informazioni e notizie

L’idea è quella di consentire una quanto più semplice, rapida e diretta comunicazione tra il corpo della Polizia ed i cittadini, così che si possano avere tutti gli strumenti necessari per favorire il dialogo tra le parti in caso di necessità. A tal fine è stata predisposta una apposita applicazione immediatamente disponibile su App Store (versione 1.0 sia per iPhone che per iPad). L’app non va a sostituire la precedente applicazione già diramata dalla Polizia, la quale fornisce agli utenti soltanto un estratto del calendario ufficiale 2011.

Spiega nel proprio comunicato ufficiale la Polizia di Stato:

Con l’applicazione sarà possibile avere accesso ad una serie di informazioni e di servizi tra i più richiesti: notizie in tempo reale su “I fatti del giorno” – ovvero tutte le operazioni della Polizia svolte in ciascuna provincia italiana; un accesso rapido e diretto ai video di eventi ed interventi pubblicati sul canale ufficiale della Polizia di Stato di Youtube, e poi, notizie sui concorsi, passaporti, bandi di gara e normativa per gli stranieri.

L’applicazione altro non è se non la semplice trasposizione dei contenuti del sito web verso le nuove piattaforme tablet/smartphone. Le notizie sono contestualizzate sulle mappe, i contatti sono sempre a portata di “tap” per qualsivoglia informazione ed inoltre al servizio è stato integrato anche il canale ufficiale YouTube con i video caricati nel tempo per una maggiore informazione di approfondimento su tematiche specifiche. Disponibile anche un servizio multilingua «dedicato ai cittadini stranieri per la verifica del permesso di soggiorno».

A distanza di 6 giorni dalla release ufficiale, l’applicazione risulta essere tra le più scaricate della propria categoria. Commentano all’AGI gli ideatori del progetto: «Una nuova “piccola” rivoluzione tecnica inserita nel solco di una politica di comunicazione rivolta alle esigenze di oggi. Non solo “insieme per la sicurezza”, ma anche “insieme” per rendere più facile la vita di tutti i giorni».

Fonte: AGI • Notizie su: