QR code per la pagina originale

Frecciarossa, Wi-Fi gratuito fino a febbraio

Trenitalia ha comunicato che la connettività Wi-Fi di bordo sui Frecciarossa continuerà a rimanere gratuita almeno fino a fine febbraio

,

La connessione Wi-Fi sui treni Frecciarossa è stata introdotta a fine 2010 con la promessa di mantenere un servizio gratuito per almeno un mese, così da portare avanti un primo beta test con il quale migliorare le prestazioni degli apparati. Il periodo di prova gratuito, però, è stato ora allungato e si protrarrà almeno fino a tutto il mese di febbraio.

A comunicarlo è il sito Trenitalia, ove non è chiara però la motivazione all’origine dell’offerta: in parte per promuovere il servizio ed in parte per continuare la messa a punto della connessione sulle carrozze, la decisione è comunque quella di prorogare l’offerta in attesa che, verso la metà del 2011, alla connessione venga affiancato anche un servizio di contenuti a valore aggiunto da poter usufruire tramite la connessione medesima. Le modalità per l’accesso alla rete dei Frecciarossa sono estremamente semplici: «Per accedere gratuitamente al servizio Wi-Fi è sufficiente collegarsi al portale e indicare il proprio numero di cellulare per ricevere, via SMS, le credenziali da utilizzare per l’accesso a Internet. Inoltre, coloro che non possiedono un numero di cellulare italiano, possono richiedere le credenziali registrandosi al portale, al costo simbolico di 1 centesimo da addebitare sulla propria carta di credito».

La connettività Wi-Fi di bordo è disponibile su tutti i 60 veicoli della flotta Frecciarossa e rappresentano un importante strumento di lavoro ed intrattenimento per gli utenti in viaggio sulla tratta Torino-Napoli. «Inoltre, grazie all’installazione di 74 nuovi nodi per la connettività 3G, è stata potenziata l’infrastruttura radiomobile UMTS ampliando la copertura e la capacità di rete lungo i circa 1.000 km di linee ad Alta Velocità, che comprendono ben 82 gallerie».

Al termine dell’offerta il Wi-Fi di bordo dovrebbe divenire uno strumento a pagamento, ma al momento il gruppo Trenitalia non ha ancora reso noto il prezzo per il futuro accesso al servizio.

Fonte: Virgilio • Notizie su: