QR code per la pagina originale

Il creatore di BitTorrent ci prova di nuovo

Bram Cohen, l'ideatore di BitTorrent, sta ultimando i lavori per un nuovo progetto col quale punta allo streaming live per mezzo P2P

,

BitTorrent ha cambiato radicalmente il modo in cui si possono condividere ed ottenere i contenuti su Internet e ha dato il via a tutta una serie di soluzioni che ad oggi vengono utilizzate massicciamente in tutto il mondo. Nonostante la concorrenza dello streaming online e dei marketplace ormai sempre più economici, il software è riuscito a diventare uno dei canali privilegiati per lo scambio P2P. Colui che ha creato il protocollo utilizzato per BitTorrent è intenzionato però a superarsi e mira a rivoluzionare ancora una volta il file-sharing.

Bram Cohen, questo il suo nome, sta infatti ultimando i lavori sul codice che darà vita al suo nuovo protocollo P2P-live streaming, convinto che sarà superiore a tutte le altre soluzioni streaming ad oggi disponibili sul web. E si tratta di un progetto di indubbio interesse: da anni Hollywood guarda a BitTorrent come ad una minaccia che può diventare opportunità, dunque l’impegno di Cohen nello streaming potrebbe essere la chiave che salderà o cancellerà definitivamente i possibili contatti tra le parti.

BitTorrent è stata la prima tecnologia che ha permesso di scaricare video online di grandi dimensioni in modo tempestivo, anche se ai tempi del suo rilascio Cohen non aveva immaginato che tale soluzione sarebbe stata utilizzata per lo scambio di contenuti anche in modo illegale. Ad ogni modo, lo streaming online ha aumentato in modo davvero considerevole l’utilizzo della banda larga da parte dei singoli consumatori, e allo stesso tempo ha permesso alle aziende di avvantaggiarsi a livello economico, inserendo i propri contenuti sui siti che ospitano servizi di tale tipo e dunque risparmiando sui costi della banda larga.

Con il nuovo protocollo, che arriverà a 10 anni di distanza dalla creazione di BitTorrent, Cohen andrà a metter su una nuova piattaforma per il live streaming che utilizza il P2P e «alcune tecniche poco ortodosse che mi sono venute in mente per tenere basse le latenze», spiega il ragazzo. Tali tecniche verranno impiegate non solo per gestire la latenza ai minimi, ma al contempo andranno anche a controllare con un nuovo approccio il livello di congestione della Rete al fine di garantire un flusso accettabile.

Il progetto è quasi del tutto maturo per essere mostrato al pubblico, manca infatti soltanto qualche mese ancora prima che i lavori siano completi, ma Cohen ne ha comunque voluto dare un assaggio in un video distribuito su TorrentFreak:

Fonte: TorrentFreak • Notizie su: