QR code per la pagina originale

IPv6: Microsoft inizia con Bing

,

Gli indirizzi IPv4 stanno per finire, e solo pochi giorni fa la IANA ne ha distribuito l’ultimo blocco. La questione IPv4, quindi, è diventata un problema imminente, del quale tutte le aziende che operano sul web si stanno occupando.

Anche Microsoft ha annunciato il passaggio ad IPv6, iniziando con Bing.com. La data scelta per l’implementazione del nuovo protocollo è l’8 giugno 2011.

Per poter accedere ad un sito web IPv6 è necessario che l’ISP supporti la connettività IPv6, oltre ad averne attivate le funzionalità sul proprio PC: tutti i sistemi operativi successivi a Windows XP SP2 sono abilitati automaticamente.

Microsoft prevede di utilizzare Bing come rampa di lancio per il passaggio graduale, un processo che potrebbe richiedere diversi anni. Proprio come dichiarato da Microsoft nel comunicato ufficiale, l’IPv4 è rimasto in piedi per più di 20 anni, e questo può far riflettere sulla portata del cambiamento cui stiamo assistendo.

Tutto, ovviamente, è stato causato dalla diffusione sempre più veloce di computer, smartphone e dispositivi collegati alla rete: una diffusione tale da esaurire i quattro miliardi di indirizzi che l’IPv4 supporta. E così, insieme ad altre aziende come Google, Yahoo, Facebook e Akamai, l’8 giugno anche Redmond parteciperà al test ufficiale per verificare il corretto funzionamento di IPv6.

Notizie su: