QR code per la pagina originale

La produzione di Uncharted 3 come quella dei film di Hollywood

Motion capture, doppiaggio ed effetti speciali nello sviluppo di Uncharted 3

,

Mancano poco meno di nove mesi all’uscita di Uncharted 3: Drake’s Deception, ma tutti coloro che hanno apprezzato le precedenti avventure di Nathan Drake non possono che attendere con ansia il rilascio di novità relative al nuovo progetto firmato Naughty Dog. La software house, attraverso il community strategist Arne Meyer, ha raccontato sulle pagine del blog ufficiale europeo di PlayStation come procede lo sviluppo del gioco, concentrandosi in particolare sull’aspetto narrativo e sulle tecniche di animazione adottate per dar vita ai personaggi.

Nell’intervista si fa riferimento alle numerose sessioni di motion capture che, quasi a cadenza settimanale, vedono coinvolti gli attori nei due studi a disposizione di Naughty Dog, uno presso la propria sede e l’altro, più grande, gestito da Sony per le riprese maggiormente complesse. La mappatura dei movimenti, così come la qualità del doppiaggio (almeno nella versione inglese), secondo Meyer può essere paragonata a quella dei film prodotti a Hollywood.

Sul fatto che Uncharted 3 potrà godere di una marcata impostazione cinematografica non ci sono dubbi. Già il capitolo precedente ha offerto spettacolari intermezzi animati dal motore di gioco, utili a sottolineare i passaggi più significativi della narrazione. Il nuovo titolo, da questo punto di vista, beneficerà di un comparto tecnico ancora più evoluto. In un articolo pubblicato ieri su Eurogamer, in particolare, veniva preso in analisi un aspetto come l’interazione del fuoco con le ambientazioni, che nel caso di Uncharted 3 permetterà di vedere edifici e costruzioni venir pian piano degradati dalle fiamme durante le fasi di gioco.

Notizie su: