QR code per la pagina originale

Mac OS X Lion: AirDrop in azione

Tra le anteprime di Mac OS X Lion, AirDrop, una comoda funzione per condividere file in una sottorete.

,

Ora che l’ultima beta di Mac OS X 10.7 Lion è nelle mani degli sviluppatori, è tutto un profluvio di test, filmati e notizie sulle piccole e grosse novità che ci attendono con la prossima major release del Sistema Operativo per il resto di noi. Oltre Launchpad, Mission Control, le funzionalità di salvataggio automatico e la versione Server integrata, Lion offrirà agli utenti una comoda -e inedita- modalità di condivisione dei file chiamata AirDrop.

Come idea di fondo, ricorda un po’ DropCopy, solo che funziona meglio ed è molto più carina da vedere. All’interno della barra laterale del Finder, infatti, ora compare una nuova posizione che ci mostra al volo tutti i Mac nella sottorete con tanto di lontananza rispetto a noi (calcolata, ipotizziamo, in base alla potenza del segnale WiFi). Scambiare file tra di essi è questione di un Drag&Drop: una conferma per chi invia, una per chi riceve e il gioco è fatto.

In realtà, non si tratta di un miglioramento rivoluzionario, anche perché iChat e Bonjour hanno sostanzialmente lo stesso scopo, garantendo in più la possibilità di chiacchierare per iscritto o vis à vis. La differenza sta tutta nella comodità e nell’integrazione direttamente nel Finder, senza che sia richiesta la configurazione o l’avvio di software specializzato.

DropCopy d’altro canto ha necessità di comprimere i file in archivi zip prima dell’invio, il che implica lunghe conversioni prima dell’invio effettivo di file e cartelle di dimensioni generose, e per di più ha qualche problema in generale di stabilità: con carichi di lavoro eccessivi, ogni tanto si perde. L’idea di Apple risulta quindi ben gradita agli utenti ed è solo una delle tante piccole novità che ci attendono e che renderanno la nostra vita digitale ancora più piacevole e proficua.

Notizie su: