QR code per la pagina originale

Cinque anni di carcere per i creatori del sito Crimebook

Arrestati gli organizzatori del Facebook dei criminali: la gang ha rubato e condiviso informazioni relative a migliaia di carte di credito.

,

La Southwark Crown Court di Londra ha condannato due studenti britannici a cinque anni di reclusione per aver creato e gestito il sito GhostMarket.net, soprannominato non a caso “Crimebook“, dove circa 8.000 utenti si scambiavano dettagli (numeri, pin e password) di migliaia di carte di credito rubate e utilizzavano queste informazioni per truffare banche e negozi in tutto il mondo. I due giovani sono Nick Webber, 19 anni e Ryan Thomas, 18 anni.

I dettagli delle carte di credito sono stati scoperti sul computer di Webber quando, insieme a Thomas, è stato arrestato nel 2009 mentre cercava di utilizzare una carta rubata per pagare il conto da 1.000 sterline in un hotel di Londra. La corte ha stimato che il giro d’affari della gang ammonta a oltre 12 milioni di sterline. Sul sito sono stati pubblicati i dettagli di circa 65.000 account bancari, i manuali per realizzare l’hacking delle carte di credito e per vendere carte funzionanti su eBay rimanendo anonimi, oltre a software “piratati” e istruzioni per produrre esplosivi. Tutto, ovviamente, a pagamento.

Dopo l’arresto del 2009, Webber e Thomas erano stati rilasciati su cauzione. I due criminali hanno approfittato dell’occasione per volare a Maiorca, ma sono stati di nuovo arrestati al loro rientro all’aeroporto di Gatwick il 31 gennaio 2010. Webber custodiva i suoi guadagni illeciti in un conto aperto in una banca off-shore in Costa Rica.

Il giudice John Price ha descritto il sito web come una «impresa criminale che offriva consigli su come penetrare nei computer, provocare malfunzionamenti per recuperare informazioni personali e come farlo su vasta scala». Ha inoltre aggiunto che solo l’età da teenager ha salvato Thomas e Webber da una pena molto più lunga.

Oltre ai due principali promotori dell’iniziativa criminale, sono stati arrestati e condannati anche tre complici: Gary Kelly, 21 anni (cinque anni di carcere), Ryan Thomas, 18 anni (quattro anni) e Shakira Ricardo, 21 anni (18 mesi). Le accuse variano da frode a cospirazione per commettere frodi e per modifiche non autorizzate ai computer.

Fonte: BBC • Immagine: Andres Rueda • Notizie su: