QR code per la pagina originale

Disney, arrivano i giochi in HTML5

Disney ha acquisito Rocketpack, un motore grafico grazie al quale sarà più semplice creare giochi in HTML5.

,

Mentre HTML5 si appresta a diventare lo standard del Web del futuro, diverse aziende stanno pianificando il passaggio a questa tecnologia per pensare ai prossimi progetti. È il caso di Disney, colosso dell’intrattenimento, che ha acquistato il motore grafico Rocketpack, sviluppato ad Helsinki in Finlandia.

La conferma arriva direttamente da un portavoce dell’azienda: «Possiamo confermare che Walt Disney Company ha acquisito Rocketpack, una soluzione integrata per lo sviluppo di browser game plug-free. Attraverso un accordo di fusione, Rocketpack è ora interamente di proprietà di The Walt Disney Company». Non sono, tuttavia, note le cifre dell’acquisto, con l’azienda che ha chiesto di non speculare in tal senso: le indiscrezioni parlano comunque di una cifra compresa tra i 10 e i 20 milioni di dollari.

È subito chiaro anche il motivo dell’acquisizione: Disney vuole sviluppare giochi in HTML5. D’altra parte Rocketpack ha recentemente annunciato Warimals, considerato il primo gioco in HTML5 per Facebook. Ed è proprio il celebre social network ad aver rivoluzionato il mercato dei giochi online, grazie anche alla presenza di realtà come Zynga. Certo, Facebook è una piattaforma rigida con proprie regole, mentre il resto del web è tutta un’altra cosa. Lo scopo di Disney potrebbe essere quello di permettere la diffusione di giochi senza essere legati a piattaforme o plugin: maggior libertà, maggiori opportunità.

E il primo pensiero corre, naturalmente, ad Adobe, il cui protocollo Flash è considerato ancora oggi un ostacolo. Perchè se un utente esperto impiega pochi secondi ad installare il plugin di Adobe, un utente meno esperto potrebbe preoccuparsi, ed evitarne l’installazione. Con la conseguente perdita di un possibile giocatore. Se poi piattaforme come l’iPad rifiutano per principio il supporto al plugin Adobe, l’ostacolo si fa a questo punto importante e limitativo.

Ma se si mette insieme una tecnologia come quella di Rocketpack alla serie di personaggi famosi della Disney, è facile ipotizzare un futuro interessante per il progetto. Tramite javascript e CSS è possibile creare giochi che funzionano sia sui poco potenti netbook, fino agli iPad. La stessa azienda si considera il “google docs” dei giochi, e basta osservare le immagini del video di presentazione per rendersi conto di quanto facile possa essere il creare un gioco con i tool Rocketpack.

Fonte: Techcrunch • Via: Fastcompany • Immagine: Dottie Mae • Notizie su: