QR code per la pagina originale

Saints Row: The Third, co-op ma niente multiplayer online

Rivelati i primi dettagli specifici sul nuovo capitolo di Saints Row

,

Emergono numerosi dettagli sul nuovo Saints Row: The Third, le cui caratteristiche principali sono state rivelate dal sito Destructoid. Tra le informazioni di maggior rilievo, colpisce il fatto che lo staff Volition non abbia inserito una modalità multiplayer online: sarà ancora possibile giocare in co-op, ma non in Rete.

Numerose le innovazioni previste: all’inizio della storia la maggior parte delle gang saranno in prigione, e questo farà sì che emerga un nuovo gruppo, chiamato Syndacate, che cercherà di trarre profitto dalla situazione. Sarà questo il motivo scatenante degli eventi del gioco.

Torneranno Johnny Gat e Shaundi, due dei principali alleati nel precedente episodio della saga. Un terzo personaggio annunciato è il colossale Oleg, un gigante preso di mira dal Syndacate che vorrebbe clonarlo: ne risulterà un esperimento fallito dal quale nascerà un nuovo tipo di avversario.

Anche le gang si rinnoveranno, con l’arrivo dei Morning Star (i cui membri si conciano come wrestler mascherati) e dei Deckers, veri e propri maniaci informatici. A loro si aggiungerà il gruppo noto come STAG, il cui obiettivo sembra essere quello di voler distruggere le altre gang.

Dal punto di vista del gameplay, appariranno numerose nuove armi, come una pistola RC capace di lanciare un dispositivo elettronico con il quale si controlleranno i veicoli a distanza. Si potranno addirittura pilotare carri armati e trasporti aerei, previo un apposito upgrade.

Anche le altre armi e i veicoli potranno essere modificati: per esempio, si potranno montare mirini da cecchino o lanciagranate ai normali fucili d’assalto. Le automobili invece potranno essere personalizzate sia nell’estetica che nelle performance, con incrementi di velocità, taglia e molto altro ancora.

Ovviamente le modifiche grafiche riguarderanno anche i personaggi, che potranno essere abbigliati con vari costumi, compresi quelli da cowboy, da ninja, da cheerleader, da supereroe o da pirata. Un tradizionale sistema di sviluppo consentirà di accumulare punti esperienza: si aumenterà di livello ottenendo maggior rispetto, e si potranno gestire via via nuove armi e abilità aggiuntive.

Garantita una notevole libertà anche nella gestione delle missioni, che potranno essere concluse in vari modi, a seconda delle scelte compiute dai giocatori.

Confermate infine missioni secondarie come Professor Genki’s Super Ethical Reality Climax, un pericoloso gioco in stile giapponese, o Tank Mayhem, nel quale si dovrà usare un carro armato per abbattere specifici bersagli. In Guardian Angel, infine, si guiderà con cautela un’automobile, portandosi dietro una tigre.

Notizie su: