QR code per la pagina originale

Google annuncia il mobile payment negli USA

Partnership tra Google e VeriFone per installare terminali POS basati sulla tecnlogia NFC nei negozi di New York e San Francisco.

,

Google ha pianificato la diffusione dei sistemi di pagamento attraverso gli smartphone con tecnologia NFC (Near Field Communication). I primi test del mobile payment inizieranno a New York e a San Francisco entro i prossimi quattro mesi. L’azienda di Mountain View installerà i terminali POS di VeriFone in migliaia di negozi e dovrebbe prevedere l’integrazione con il suo servizio Google Checkout.

I chip NFC sono presenti in pochi smartphone (Nexus S, Samsung Galaxy S II e Nokia C7, per citare i più noti), ma è prevista una loro diffusione di massa entro pochi anni. Google quindi vuole fare il suo ingresso in un nuovo mercato che si preannuncia molto profittevole. Un sistema di pagamento mobile è considerato una priorità da Eric Schmidt e soci, e le prime applicazioni pratiche dovranno arrivare molto presto, dato che anche AT&T, T-Mobile USA e Verizon Wireless hanno annunciato lo scorso anno un accordo per realizzare un’infrastruttura nazionale per il commercio mobile denominata ISIS.

Google non darà agli utenti solo la possibilità di pagare un prodotto con i loro smartphone, ma potrebbe realizzare un servizio che combini le informazioni bancarie con il saldo delle carte regalo, con le carte fedeltà dei negozi e con i coupon su un singolo chip NFC. In ogni caso sembra che Google voglia eliminare al più presto contanti e carte di credito: Android sarà anche un portafoglio e lo smartphone diventa pertanto uno strumento sempre più fondamentale e centrale nella vita quotidiana.

L’entrata in scena di Google aiuterà sicuramente VeriFone, che cercherà di convincere aziende e consumatori a scegliere il suo sistema di pagamento invece di quello offerto dalla concorrente Square, basato sulla lettura dei dati della carta di credito.

Tra i produttori che hanno confermato l’interesse per la tecnologia NFC, oltre a Samsung e Nokia, ci sono anche HTC, Sony Ericsson, LG e RIM. Apple sembra invece aver deciso che il prossimo iPhone 5 non includerà nessun chip NFC, rinviando il tutto ad una soluzione alternativa in arrivo soltanto con l’iPhone 6.

Fonte: Bloomberg • Notizie su: