QR code per la pagina originale

WiMax in Italia: è il momento di ripartire

,

L’euforia che portò l’avvento del WiMax nel settore delle Tlc è qualcosa che non si era mai visto. Tutti scommettevano su questa tecnologia wireless indicata come il futuro della banda larga non solo mobile ma anche fissa. Ma a distanza di qualche anno, non solo l’euforia è del tutto scemata, ma la maggior parte delle aziende, che hanno scommesso ed investito tanto nel WiMax, sono ancora ferme al palo. Colpa della crisi economica sostengono in molti, tuttavia forse c’è ben altro sotto.

In ogni caso stiamo entrando in un periodo delicato per il WIMax, in quanto stanno per scadere i termini indicati dell’Autority per soddisfare alcuni obblighi che erano parte integrante per l’assegnazione delle licenze per l’utilizzo delle frequenze del WiMax. Obblighi che riguardavano prevalentemente una copertura minima del territorio che al momento non ha rispettato nessuno. Ma a che punto siamo davvero?

La situazione attuale è fortemente fluida, in quanto i maggiori provider WiMax, si stanno accordando tra loro per cercare di ripartire con un progetto nuovo e più alla portata di questi tempi incerti. Aria, che fu la vera sorpresa dell’asta per l’assegnazione delle licenze WiMax, ha subito un vero terremoto societario. Via il vecchio proprietario ed il vecchio management, ecco arrivare come AD, Riccardo Ruggero, attualmente indagato nel caso delle SIM false di cui abbiamo parlato di recente. Aria ha perso di recente anche il contratto di collaborazione con Telecom Italia ed è presente solo in Umbria ed in una manciata di altre realtà territoriali.

Retelit, sta passando un periodo delicato a causa del congelamento delle quote del suo primo azionista (Lybian Post Telecommunication di proprietà di uno dei figli di Gheddafi) ed ha dunque deciso di affittare la gestione della sua rete WiMax, a Linkem, altro provider wireless che in questo periodo si è contraddistinto per una certa vivacità operativa.
Retelit dal canto suo, si occuperò solo della gestione ed espansione della sua rete in fibra ottica.

Linkem sta vivendo invece un periodo positivo. L’accordo con Retelit, giunge a pochi mesi dallo storico accordo con Telecom Italia che ha portato alla nascita della prima offerta WiMax di Telecom Italia. Inoltre Linkem copre già oltre 700 comuni per un totale di 30.000 utenti.
Buon momento anche per Mandarin che però si è dedicato solo alla copertura del territorio Siciliano.

A questo punto, con le scadenze dell’Autority incombenti, che succederà? Molto probabilmente, alla luce di queste novità, è molto probabile che l’Autority prolunghi le scadenze per soddisfare i requisiti minimi previsti dall’asta per il WiMax.

Notizie su: