QR code per la pagina originale

Google Page Online, il tachimetro del Web

Google rilascia Page Speed Online, uno strumento con il quale è possibile analizzare i tempi di caricamento delle pagine web e migliorarne le prestazioni.

,

Direttamente dai laboratori Google arriva il tachimetro per il web: la società di Mountain View ha infatti annunciato Page Speed Online, uno strumento che permette di misurare la velocità di caricamento delle pagine web e di ricevere una serie di suggerimenti utili a migliorare le performance del proprio sito. Disponibile precedentemente come componente aggiuntivo per Firefox e Chrome, Page Speed Online può essere ora utilizzato tramite qualunque browser.

Il nuovo tool targato Google si presenta con un’interfaccia molto semplice ed intuitiva: inserendo nell’apposito campo l’indirizzo della pagina web da esaminare, è sufficiente selezionare la tipologia di test da effettuare (desktop o mobile) e premere invio. Al termine dell’analisi viene dunque mostrata una pagina contenente un punteggio su una scala da 1 a 100 ed alcuni consigli suddivisi per importanza sui possibili miglioramenti da apportare ad immagini, codice HTML, file CSS e JavaScript ed ogni altro elemento presente nella pagina esaminata.

A differenza di altri strumenti simili, Page Speed Online non si limita a prelevare un file HTML dal server e a mostrare i tempi di caricamento, ma renderizza l’intera pagina tramite WebKit, ottenendo dunque risultati paragonabili a quelli ottenibili tramite una tradizionale navigazione in Rete con un comune browser. Il servizio è inoltre in grado di effettuare anche un test dedicato ai dispositivi mobile, le cui risorse risultano in numerosi casi inferiori a quelle disponibili in sistemi desktop e dunque necessitano di apposite versioni dei documenti Web per poter garantire una navigazione priva di problemi.

Page Speed Online si presenta dunque al grande pubblico come un valido alleato per tutti i webmaster. La velocità di caricamento delle pagine web, oltre ad essere un elemento importante nell’acquisizione di nuovi utenti e visitatori, è entrata a far parte da diverso tempo dell’insieme delle numerose variabili che l’algoritmo ideato da Mountain View valuta per classificare i vari siti web all’interno delle SERP. Dall’introduzione di “Caffeine“, Google ha esplicitamente fatto riferimento alla velocità come ad un elemento di primaria importanza e l’uso di strumenti quali Page Speed Online diviene pertanto fondamentale per l’ottimizzazione della presenza sul Web delle proprie informazioni.

Commenta e partecipa alle discussioni