QR code per la pagina originale

Apple in tribunale per la localizzazione di iPhone e iPad

,

Non poteva restare a lungo senza conseguenze la vicenda che, la scorsa settimana, ha visto Apple e due dei suoi prodotti di punta al centro di un piccolo giallo. È stato infatti appurato che i dispositivi iPhone e iPad equipaggiati con iOS 4 registrano costantemente gli spostamenti effettuati, immagazzinando le informazioni all’interno di un file il cui scopo è ancora tutto da chiarire. A pochi giorni dalla scoperta, ecco la prima dura reazione da parte dell’utenza, con una causa legale intentata contro il colosso di Cupertino.

A firmarla sono stati Vikram Ajjampur e William Devito, che puntano il dito contro l’azienda per una grave violazione della privacy, potenzialmente in grado di favorire comportamenti tutt’altro che trascurabili come lo stalking. I due hanno presentato la propria richiesta per l’apertura di un’indagine presso il tribunale di Tampa (Florida), chiedendo che venga loro rimborsata per intero la spesa sostenuta al momento dell’acquisto di un iPad.

Per capire quanto la vicenda sia stata accolta con preoccupazione, può essere citata la lettera inviata dal sensatore Al Franken direttamente a Steve Jobs, al fine di chiedere spiegazioni in merito a quanto accaduto. La replica del numero uno di Apple è sintetica, ma ha il duplice obiettivo di scansare ogni eventuale responsabilità per un comportamento discutibile e di puntare il dito contro uno dei concorrenti più illustri: Google.

Loro lo fanno, ma noi non tracciamo nessuno. Le informazioni che circolano in Rete sono infondate.

Da Mountain View la risposta non si è fatta attendere, con bigG che sottolinea la correttezza della propria condotta e soprattutto il fatto che qualunque dato sensibile viene utilizzato esclusivamente in seguito all’esplicita autorizzazione richiesta e ottenuta da parte degli utenti. Resta da capire come e perché il codice incriminato sia finito nel nuovo sistema operativo iOS: tentativo di tenere sott’occhio i possessori di iPhone e iPad, oppure semplice svista da correggere in tutta fretta con un update?