QR code per la pagina originale

Facebook paga gli utenti che guardano gli annunci

Facebook concede agli utenti che guardano specifiche pubblicità video alcuni Facebook Credits da spendersi per beni virtuali e servizi.

,

Facebook ha introdotto da alcune ore un nuovo programma che offre ai consumatori un incentivo economico per visualizzare gli annunci pubblicitari presenti sul social network di Zuckerberg.

Gli utenti possono infatti visualizzare le inserzioni pubblicitarie del sito ricevendo in cambio dei crediti da spendere l’acquisto di beni su Facebook Deals. Per adesso comunque l’incentivo offerto non è sostanzioso: appena un credito in media per annuncio, pari a circa dieci centesimi. Gli annunci saranno perlopiù presenti nei giochi, tramite messaggi non invasivi ma interattivi, con l’obiettivo di invogliare l’utente a condividerli con gli amici.

Dan Greenberg, CEO di Sharethrough (gruppo coinvolto nella raccolta pubblicitaria assieme a SociaVibe, Epic Media e SupersonicAds), sostiene che la mossa Facebook è un passo in avanti per la pubblicità in rete. Greenberg, tra cui clienti figurano aziende come Microsoft e Nestlé, sottolinea come la sua rete mirerà ad offrire inserzioni che intrattengano l’utente, al posto della solita pubblicità tradizionale. Questo dovrebbe aiutare gli inserzionisti a diffondere meglio le proprie pubblicazioni.

Incentivare i consumatori a guardare gli annunci pubblicitari è una soluzione per Facebook utile a ridurre il rischio di dover inserire un giorno fastidiosi banner sulle pagine del sito. Una mossa che arriva peraltro in concomitanza con l’ampliamento del programma di crediti i quali potranno essere sfruttati adesso per l’acquisto di oggetti del mondo reale.

Se prima visualizzare una pubblicità poteva essere un costo (in termini di tempo e attenzione), ora potrebbe diventare una opportunità: per piccola che sia, pochi secondi di pubblicità possono ben valere crediti spendibili in seguito per beni virtuali e servizi online che Facebook saprà offrire tramite il proprio network.

Così facendo, inoltre, il gruppo differenzia la propria offerta di advertising “costringendo” gli utenti a prestarvi attenzione mediante un piccolo contributo. Facebook, infatti, è oggi in grado di macinare moltissime pagine, ma il grado di attenzione sulle inserzioni è minimo: il nuovo programma di inserzioni video potrà probabilmente migliorare il risultato complessivo, consentendo così una monetizzazione migliore dell’enorme community del social network.

Fonte: Mashable.com • Notizie su: