QR code per la pagina originale

Google mette in ordine le immagini

Google ha introdotto nuovi filtri nei risultati delle Immagini per fare una ricerca per soggetto invece che per pertinenza. Il miglioramento è evidente.

,

Google ha introdotto un nuovo filtro nella pagina delle Immagini. Una modifica presentata con una inserzione speciale dalla home page di oggi. I miglioramenti sono evidenti.

Anche nella funzione più facile e popolare del motore di ricerca, dunque, era possibile fare meglio. Forse solleticata da Bing, che continua a prendersi quote di mercato, Big G ha voluto darsi da fare. Il nuovo filtro parte da un’ottima intuizione: con un archivio di dati così gigantesco, negli ultimi tempi una ricerca per immagini su Google aveva un che di stancante. Troppe immagini con quella sola chiave di ricerca, e troppe che non sono per nulla pertinenti.

Così il nuovo <ordinamento di Google Immagini permette di restringere il campo della ricerca per soggetto invece che ordinarle per pertinenza. Come funziona? Semplice: all’inserimento del termine di ricerca, il sistema suggerisce categorie di immagini che una volta cliccate restringono i risultati.

La restrizione può essere di tipo visivo (Google prende ad esempio un cane), oppure di tipo specialistico (come la tazza di caffè dopo aver cercato semplicemente caffè), oppure ancora argomentativo, come nella ricerca di un luogo geografico.

Questo nuovo filtro sembra fatto apposta per chi parte con un’idea generica, poco precisa, e vuole affinare passo a passo la ricerca dopo che l’ha cominciata e ha capito meglio di cosa ha realmente bisogno. In pratica, la condizione della stragrande maggioranza degli utenti.

Notizie su: