QR code per la pagina originale

Groupon in Borsa: vale 750 milioni di dollari

Groupon si prepara all'esordio in Borsa. La quotazione con cui esordirà a Wall Street sarà pari a 750 milioni di dollari.

,

Groupon va in Borsa. Mossa attesa, mossa annunciata, mossa che ora ha anche un prezzo: 750 milioni di dollari. La documentazione è stata consegnata alla SEC ed a seguire la quotazione sarà la banca d’affari Morgan Stanley.

Per Groupon è questo il momento della svolta. Il gruppo, che basa il proprio modello di business sulle vendite di coupon, ha infatti rifiutato in passato una acquisizione aurea che avrebbe portato l’azienda sotto la proprietà di Google e da quel momento in poi il progetto è quotidianamente sotto esame: nel momento in cui il rifiuto è stato sancito, infatti, la quotazione pubblica è immediatamente stata identificata come possibile soluzione alternativa ed oggi tutto il potenziale del progetto va quindi a cercare a Wall Street la propria monetizzazione.

Nella comunicazione alla SEC, Groupon certifica di aver perduto 413 milioni di dollari nel 2010 con entrate nello stesso anno pari a 713 milioni. Nel primo trimestre del 2011 le entrate sono già pari a 645 milioni, fotografando così una crescita abnorme sulla base di spese di marketing destinate ad andare in perdita. Il gruppo attesta di avere oggi in forza 83 milioni di iscritti alle proprie newsletter e di aver venduto 30 e 28 milioni di coupon rispettivamente nel 2010 e nel primo trimestre del 2011.

7000 dipendenti ed una crescita del 2241% tra il 2009 ed il 2010 sono però cifre che dicono poco sul potenziale reale del gruppo. Quel che oggi Groupon va a sottoporre al giudizio della finanza è la bontà di un’idea rivelatasi immediatamente esplosiva, ma al tempo stesso piena di minacce. Il mercato dei coupon vede infatti nomi quali LivingSocial o Google nutrire grandi ambizioni e non è detto che nel lungo periodo possa essere proprio Groupon ad imporre il proprio verbo.

Quel che è certo è il fatto che oggi Groupon sia indiscutibilmente il leader del settore e che in certi ambiti la precedenza sia un diritto decisivo per le proprie sorti economiche. Non rappresenta però una certezza, ed è questo ciò che tiene Groupon sospeso a metà tra una bolla finanziaria ed il luccicar dell’oro. La Borsa darà il proprio giudizio a breve e nel frattempo l’azienda auspicherà un esordio simile a quello che ha portato LinkedIn a veder raddoppiato il proprio valore in appena 24 ore.

Groupon sarà contraddistinto a Wall Street dalla sigla “GRPN“. Ed il suo valore iniziale sarà pari a 750 milioni di dollari. Il resto della storia lo scriveranno gli investitori interessati alla scommessa.

Fonte: SEC • Via: Wall Street Journal • Notizie su: