QR code per la pagina originale

Project Spartan, l’app di Facebook che elude App Store

,

Sapevamo che a Facebook non interessava creare un’app per iPad dedicata al proprio portale di social network, con la motivazione che la variante Web andava più che bene. In realtà, ora scopriamo che il portale blu è segretamente al lavoro da mesi su un’app HTML5 specificatamente rivolta gli utenti iOS e ribattezzata Project Spartan: obiettivo esplicito, eludere App Store e il controllo di Cupertino.

L’idea è semplice e machiavellica. Invece di produrre un’applicazione nativa per iPhone ed iPad come ci si sarebbe aspettati – e come chiedono da tempo gli utenti -, Mark Zuckerberg ha messo al lavoro un’ottantina di sviluppatori esterni (gli stessi dietro a Zynga) col preciso intento di rompere le uova nel paniere digitale di Apple:

Facebook sta coordinando uno sforzo per mantenere il controllo delle Web app senza essere costretta ad accettare i termini dell’App Store. Secondo le persone vicine al progetto, Facebook spera “di usare gli stessi dispositivi di Apple contro di loro per spezzare il controllo asfissiante che possiedono nelle distribuzione delle app mobili”.

Un approccio che ricorda molto quello voluto da Apple in principio, col suo iPhone, e poi abbandonato nel 2008 con l’introduzione del Software Development Kit e dell’App Store. E una volta saltate a piè pari i recinti di quest’ultimo, Facebook sarà libera di diventare essa stessa un negozio di applicazioni di terze parti:

“Il vero intento è di ottenere che la gente utilizzi Facebook come modello di distribuzione per i giochi e le altre app, non l’App Store o qualsiasi altro hub di distribuzione.”

Un piano piuttosto audace che di certo non piacerà alle alte sfere di Cupertino, nato evidentemente in seguito agli accordi mai raggiunti tra Apple e Facebook.

Notizie su: ,