QR code per la pagina originale

Facebook, in arrivo la videochat di Skype

Facebook e Skype potrebbero integrare ulteriormente i rispettivi servizi portando la videochiamata sul social network.

,

I destini di Facebook e Skype stanno per incrociarsi. L’approccio avviene ormai da tempo, con l’ultima versione del client VoIP ha subito una importante accelerazione ed ora il tutto sarà approfondito in modo radicale portando la videochat direttamente sul social network.

Il progetto, è facile da capirsi, rientra tra gli auspici che Microsoft ha riposto in Skype al momento dell’acquisizione. L’integrazione con Facebook ha chiaramente regia a Redmond ed è l’inizio di un processo organico destinato a far incontrare due enormi community: Facebook, con i suoi 700 milioni di utenti, e Skype, con i suoi 170 milioni. Ad oggi il tutto non è stato confermato, ma l’annuncio è probabilmente al centro delle “impressionanti novità (parola di Mark Zuckerberg) in arrivo la prossima settimana.

Secondo quanto trapelato da fonti vicine al gruppo di Palo Alto, la videochat di Skype dovrebbe essere portata su Facebook completando così l’opera che già è iniziata su Skype 5.5 beta (che a giorni potrebbe pertanto diventare release ufficiale) ove la chat Facebook è giunta di fatto sul client VoIP. Le funzioni per la videochiamata dovrebbero essere fruibili direttamente da browser, anche se al momento non è chiaro se il tutto avvenga semplicemente grazie a Skype o se sia necessaria l’installazione di apposito plugin.

Trattasi della nuova “next big thing” del social network leader sul mercato, ma trattasi anche di una risposta diretta a quel che Google sta progettando per il proprio Google+: la videochiamata è soltanto una delle modalità di comunicazione definite nell’organico schema previsto da entrambe le parti ed in tal senso Facebook parte in posizione di evidente vantaggio relativo: perché il social network è già leader, perché Skype è sinonimo di VoIP, perché Microsoft ha enorme interesse nella cosa. Mountain View, in questo caso, insegue.

Fonte: TechCrunch • Via: CNet • Notizie su: