QR code per la pagina originale

Giro di vite dell’Unione Europea sui costi del roaming internazionale

,

Effettuare chiamate internazionali in roaming sappiamo essere costosissimo, e anche se la recente introduzione dell’Eurotariffa ha migliorato un po’ le cose, chiamare con il cellulare da fuori dai confini nazionali è sempre molto caro. Ma sappiamo anche che l’Unione Europea è intenzionata non solo a ridurre questi costi ma anche a portarli al livello delle chiamate nazionali o quasi. Proprio per questo la Commissione Europea nei prossimi giorni approverà una nuova serie di riduzioni di costi da applicare progressivamente nei prossimi anni.

L’obbiettivo è quello di portare i prezzi delle chiamate in area euro a 24 cent al minuto + iva entro il 2014. Attualmente chiamare in zona euro costa 35 cent + iva cioè 42 cent al minuto. Il calo come detto sarà progressivo e dunque 32 cent nel 2012, 28 nel 2013 e alla fine 24 nel 2014.

Anche ricevere le chiamate in roaming subirà un netto taglio dei costi. L’obbiettivo finale in questo caso è quello di renderle gratuite. Per quanto riguarda invece gli SMS i prezzi non dovranno superare i 10 cent a messaggio inviato.

Giro di vite anche sulle bollette pazze, soprattutto per chi si azzarda a connettersi a Internet dall’estero senza possedere un abbonamento dati specifico. La Commissione Europea anche in questo settore introdurrà forti scontistiche e soprattutto inviterà gli operatori a conteggiare il traffico dati in roaming in kilobyte e non in Megabyte, come avviene invece attualmente. Se ci pensate, ora si paga a Mega consumato anche se realmente il traffico dati generato è di soli qualche kilobyte. Inutile sottolineare quanto si potrebbe risparmiare adottando il conteggio in kilobyte…

Inoltre per stimolare la concorrenza e quindi per favorire un fisiologico ribasso delle tariffe, la Commissione Europea inviterà gli operatori ad abbassare i prezzi all’ingrosso per l’uso reciproco dei network. Inoltre, cosa ancora più interessante, gli utenti potranno compare pacchetti di servizi da utilizzare in roaming con un altro gestore, pur continuando a utilizzare il proprio gestore nazionale.

Notizie su: