QR code per la pagina originale

JailbreakMe 3.0: la guida passo per passo

,

È stato reso disponibile nella giornata di ieri e ha già raccolto il plauso della rete per la sua estrema semplicità. Stiamo parlando di JailbreakMe 3.0, il tool per lo sblocco immediato dei dispositivi iOS che non necessita dell’installazione di programmi e nemmeno di competenze da tecnico. Nonostante la facilità, tuttavia, può essere utile una guida passo per passo e alcuni consigli preliminari all’installazione.

Per prima cosa, è utile ricordare come il jailbreak non sia una pratica ammessa da Apple e, di conseguenza, qualsiasi azione in questo senso potrebbe inficiare la garanzia del dispositivo. Detto questo, è altrettanto vero che raramente un device iOS potrebbe incorrere in danni hardware conseguenti all’operazione e, non ultimo, tramite iTunes è sempre possibile ripristinare il firmware originale di Apple. Non è dato sapere, inoltre, quali problemi di compatibilità potrebbe rivelare un dispositivo sottoposto a jailbreak oggi quando, il prossimo autunno, uscirà il tanto atteso iOS 5.

I primi ad aver pubblicato online la guida per JailbreakMe 3.0 sono stati i blogger di Redmond Pie, i quali hanno fornito video e fotografie per un tutorial dettagliato. Per prima cosa, bisognerà assicurarsi che il proprio dispositivo sia aggiornato a iOS 4.3.3 e, non ultimo, effettuare una sincronizzazione di documenti, musica e applicazioni con iTunes.

JailbreakMe

A questo punto, dal browser Safari installato sul dispositivo bisognerà collegarsi al sito Internet www.jailbreakme.com. Nel riquadro informativo che apparirà, bisognerà prima cliccare sul pulsante “Free” e, nella videata successiva, su “Install“. Fatto questo, e in modo decisamente veloce, JailbreakMe provvederà al download e all’installazione di Cydia, la repository alternativa ad App Store, e al jailbreak in background del firmware. L’operazione dovrebbe arrivare a termine in una trentina di secondi. L’immediatezza dell’intera procedura è stata possibile grazie a un exploit trovato nella gestione dei PDF nell’attuale versione di iOS, che ha permesso a Comex di avere rapido accesso alla modifica del firmware.

Si tratta di un metodo che, quasi certamente, renderà la vita molto semplice alla comunità dei jailbreaker e, soprattutto, inviterà molti neofiti a questo mondo. Fate attenzione, tuttavia, perché l’exploit sopracitato potrebbe essere corretto già dalla versione 4.3.4 di iOS, che si pensa Apple rilascerà a breve.