QR code per la pagina originale

Office 365, l’UE vuole risposte sulla privacy

Microsoft sostiene di non poter garantire che i dati degli utenti EU di Office 365 vengano protetti dalla legislazione locale: l'UE vuole chiarezza.

,

Rischia di accendersi una nuova polemica tra l’Unione Europea e Microsoft. I membri del Parlamento Europeo hanno chiesto infatti modifiche all’invio dei dati dall’Europa agli Stati Uniti relativi a Microsoft Office 365, il cloud service lanciato dall’azienda di Redmond la scorsa settimana.

La controversia nasce per via di una dichiarazione dell’amministratore delegato della divisione britannica Microsoft, Gordon Frazer, il quale ha ammesso di non poter garantire che i dati sul territorio dell’Unione Europea memorizzati sui server cloud non avrebbero lasciato l’Europa in nessun caso, neanche dietro una richiesta che poggia sulla USA Patriot Act. In parole povere, Microsoft ha specificato che i dati non sarebbero tutelati dalle leggi di diritto dell’Unione Europea, facendo eventualmente valere la criticata legge statunitense.

Il Parlamento Europeo si interroga sul rispetto dei principi della legislazione comunitaria sulla protezione dei dati emanata nel 1995, così come ha fatto Sophia in ‘t Veld, membro olandese della commissione per la libertà civile del Parlamento,  la quale ha chiesto infatti cosa intende fare la Commissione Europea per evitare che l’USA Patriot Act sovrasti la direttiva UE sulla protezione dei dati.

La reazione della In’t Veld è anche piuttosto piccata dato che ha chiesto ironicamente come reagirebbero gli Stati Uniti se l’Unione Europea facesse valere una delle sue leggi sul suolo americano sovrastando la legislazione statunitense, e ad ogni modo, se la Commissione è in grado di far valere le proprie regole sul territorio di sua competenza.

La questione è dunque molto delicata. Allo stato attuale delle cose, stando a quanto affermato da Microsoft, i dati personali dei consumatori europei di Office 365 potrebbero tranquillamente essere utilizzati senza esplicito avvertimento facendo valere i principi della USA Patriot Act, la legge anti-terrorismo degli Stati Uniti che prevede tra le altre cose l’accesso incondizionato ai dati dei cittadini per motivi di sicurezza nazionale.

Fonte: Computerworld • Via: Zdnet.com • Immagine: Sébastien Bertrand • Notizie su: ,