QR code per la pagina originale

La guerra dei pulsanti social

Un report condotto da un gruppo di SEO mostra come Facebook sia in cima alle preferenze degli utenti nei pulsanti social, con Twitter e Google+ in rimonta.

,

Quella dei link e dei pulsanti in chiave social è stata una vera e propria invasione: il numero di siti web contenenti riferimenti ad un qualche social network è infatti cresciuto in maniera vertiginosa, con un trend che continua ad essere positivo per i principali nomi del settore. Ad evidenziarlo è un report pubblicato da BrightEdge, nel quale è possibile mettere a confronto Facebook, Twitter e Google+ negli ultimi mesi.

Secondo i dati resi noti dalla società di SEO, circa la metà dei 10.000 siti web più importanti della Rete possiede nella propria homepage un link verso la rispettiva pagina Facebook: la percentuale per il mese di luglio è infatti del 47,4%, in crescita di 0,2 punti rispetto ai 30 giorni precedenti. Al secondo posto della graduatoria si piazza Twitter con il 41,8% (+0,4% rispetto al mese di giugno), con YouTube che si aggiudica la medaglia di bronzo con un 16,75% (il che rappresenta un calo rispetto al 16,77% del mese precedente).

Lo stesso ritmo non sembra invece essere sostenuto dai pulsanti forniti dai vari social network, i quali fanno registrare numeri sensibilmente inferiori. A fare la voce grossa è anche in questo caso Facebook, che grazie al celebre “Mi Piace” si aggiudica le prime due piazze del podio: il classico pulsante è presente infatti nel 10,8% dei siti web analizzati, mentre il box fornito dal servizio di Palo Alto nel 6,1%. Alle spalle di Facebook si piazza questa volta Google con il suo “+1”, che conquista un punto percentuale rispetto al mese precedente e sale al 4,5%, ovvero più del doppio rispetto a Twitter (2,1%).

Sebbene i numeri parlino di un web profondamente impregnato di un’essenza social, allo stesso tempo è possibile notare come i margini di crescita siano ancora piuttosto ampi: il 51% dei siti web analizzati non presenta infatti alcun link verso social network o portali di tale stampo, risultando di fatto un possibile terreno di conquista per nomi quali Facebook, Twitter o Google+. Quest’ultimo fornisce poi importanti dati sulla propria crescita, che prosegue a ritmi serrati nonostante sia ancora in versione sperimentale e l’accesso sia subordinato alla ricezione di un invito. I prossimi anni si prospettano dunque piuttosto interessanti per il lato sociale del web, con tre colossi pronti a sfidarsi per la conquista della più ampia fetta di mercato.

Fonte: BrightEdge • Via: Search Engine Land • Notizie su: ,