QR code per la pagina originale

Crossider integra Facebook e Google +, ma è pericoloso?

Un'applicazione israeliana permette di trasferire tutte le amicizie di Facebook su Google plus: grande successo, ma qualche perplessità su eventuali bug.

,

Ormai tutti sono concordi: Google plus è una grande novità, tuttavia lasciare Facebook è al momento impensabile. Che fare? Questa è la vera domanda che tutti si fanno, tanto che il primo che ha provato a dare una soluzione è campione di download: Crossrider.

Si chiama così la componente aggiuntiva per Chrome e Firefox, nata in Israele, che permette di integrare i due social network rivali. Il suo inventore, Koby Menachemi, parla già di successo clamoroso: 100mila download in pochi giorni.

Crossrider non riesce a fondere i due sistemi, ad esempio non è possibile chattare trasversalmente, né aggiornare con dei post ed esprimere dei “like” quando si è su Google, ma l’idea di fondo, quella di permettere di aprire due schede del browser potendo vedere il social stream di Facebook senza uscire dall’account Google – fondamentale per usare il social di Big G – non è male.

I difetti però non si limitano alle lacune dei tool (in ogni caso, trasferisce amici e informazioni, il problema principale di un sito giustamente geloso dei suoi dati come Facebook), ma alla tecnica adoperata: di fatto, Crossrider è un’applicazione che deve ogni volta lanciare un file JavaScript esterno, con rischi enormi per l’internauta in termini di sicurezza.

Insomma, bella e pericolosa componente, che sicuramente coglie un’esigenza immediata della blogosfera, ancora eccitata per la novità. Meglio però essere prima informati dei rischi.

Notizie su: ,