QR code per la pagina originale

Google News, arrivano i badge fedeltà

Google News introduce nella versione statunitense un sistema con il quale attribuire un punteggio a ciascun lettore in base al numero di articoli letti.

,

Sull’esempio dei più classici dei videogiochi, Google News presenta alcune novità per i propri utenti: da Mountain View giunge infatti un nuovo sistema per premiare i lettori più fedeli di quello che è divenuto nel tempo il centro gravitazionale dell’informazione in Rete, mediante un badge con il quale attribuire un punteggio a ciascun lettore.

I badge realizzati da Google sono oltre 500 e coprono dunque una vasta gamma di categorie, siano esse di tipo generico, quali sport, musica o cinema, oppure maggiormente specifiche, come ad esempio determinate pellicole, particolari squadre e così via. Ciascun badge sarà corredato da un punteggio basato sull’attribuzione di un certo numero di stelle: si parte da una sola stella, quella di bronzo, e si arriva ad un massimo di 5 stelle, passando attraverso i livelli argento, oro, platino ed ultimate. Il raggiungimento di un nuovo livello è strettamente correlato al numero di articoli letti.

Disponibili per il momento esclusivamente negli Stati Uniti, i badge permetteranno a Google News di ottenere un accento maggiormente social, grazie alla possibilità di condividere con altre persone le stelline ricevute al fine di scambiare informazioni sulle proprie passioni ed i propri interessi. L’intero sistema subirà poi importanti modifiche ed innovazioni nel corso dei mesi a venire, soprattutto in funzione di quello che sarà il livello di gradimento da parte degli utenti nei confronti di tale strumento.

Le novità riguardanti Google News non si fermano qui: dopo numerose segnalazioni da parte dei propri lettori, gli sviluppatori di Mountain View hanno deciso di separare le sezioni “scienza” e “tecnologia” nella versione inglese del portale di notizie più famoso del web. Tale cambiamento è destinato a ripercuotersi nei prossimi mesi nelle versioni tradotte in diverse altre lingue, tra cui con ogni probabilità anche l’italiano.

Fonte: Google • Via: PCMag • Notizie su: