QR code per la pagina originale

RIM, un media box per sfidare la Apple TV?

,

La guerra tra Apple e RIM potrebbe correre nei prossimi mesi su un nuovo binario complementare a quelli già percorsi relativi a smartphone e tablet: l’azienda di origini canadesi starebbe infatti pensando alla realizzazione di un media box dedicato all’intrattenimento multimediale domestico, il quale si candiderebbe come primo rivale per la Apple TV di Cupertino.

Battezzato Cyclone, tale dispositivo è da diverso tempo oggetto di rumor da più parti e, a quanto pare, sarebbe stato confermato da alcune fonti vicine alla società. Collegabile agli apparecchi televisivi mediante l’utilizzo di un’uscita HDMI, il RIM Cyclone sarebbe in grado di collegarsi a Internet grazie all’ausilio di un modulo WiFi per scaricare nuovi contenuti da mostrare agli utenti.

Proprio la Rete rappresenterebbe in tal senso il pozzo cui attingere per l’intrattenimento domestico: nei piani del gruppo vi sarebbe infatti l’integrazione con servizi quali YouTube e Netflix, così da facilitare l’accesso all’enorme catalogo multimediale messo a disposizione da ambo le parti, sia in termini di filmati caricati dagli utenti che di pellicole cinematografiche visualizzabili in streaming previo pagamento di un canone mensile. L’accesso a un network wireless potrebbe inoltre essere utilizzato per accedere a periferiche di archiviazione locali, quali dischi di rete oppure media center attivi.

L’arrivo del media box di RIM è atteso per il prossimo autunno, così da permettere al gruppo di aggredire il mercato nella fase calda degli acquisti precedente al periodo natalizio. L’obiettivo di RIM è dunque quello di riuscire ove Apple non è stata in grado: la Apple TV risulta infatti tra i prodotti meno gettonati dell’offerta di Cupertino, nonostante l’ultimo refresh effettuato nel 2010 per rendere tale strumento ancora più appetibile agli occhi degli utenti. Nessun dettaglio emerge invece sul prezzo di commercializzazione e su eventuali altre specifiche tecniche, le quali saranno note nei mesi a venire.

Notizie su: