QR code per la pagina originale

Google chiude Labs, corretto bug in Webmaster Tools

,

Google ha deciso di accantonare definitivamente Google Labs e pertanto è stata annunciata la chiusura del progetto, poiché vi è la volontà di concentrare gli sforzi del team sui progetti più importanti, abbandonando quelli che finora non hanno sempre raggiunto una degna conclusione in relazione all’impegno profuso. Inoltre, proprio in queste ore, è stato scoperto un incredibile bug in Google Webmaster Tools.

Le risorse umane facenti finora parte dei Google Labs faranno dunque parte di quei progetti maggiormente qualitativi in lavorazione presso il gruppo di Mountain View. Nonostante in dieci anni di attività i Labs abbiano realizzato numerosi servizi ad oggi tra i migliori di Google, numerosissime idee non hanno mai visto la luce e pertanto l’azienda ha considerato lo spreco di denaro e risorse eccessivo da sostenere in base a ciò che realmente produce. Ad ogni modo, il 20% del tempo offerto ai dipendenti Google per progetti collaterali non verrà decurtato e le singole idee continueranno ad essere sostenute e incoraggiate.

Nel frattempo, è stata scoperto da Hames Breckenridge un imbarazzante bug in Google Webmaster Tools, nello specifico insito negli strumenti forniti dal servizio e che consentiva con estrema semplicità di rimuovere qualsiasi sito Web o singola pagina dal motore di ricerca di Mountain View. Un bug incredibile, che è stato prontamente eliminato da Google grazie alla segnalazione.

Per rimuovere una qualunque pagina e un qualunque sito, bisognava solamente agire sull’URL creata sull’apposita pagina:

https://www.google.com/webmasters/tools/removals-request?hl=en&siteUrl=http://{YOUR_URL}/&urlt={URL_TO_BLOCK}

Questi i parametri da impostare per ingannare Google:

  • {YOUR_URL} per impostare il sito di riferimento;
  • {URL_TO_BLOCK} per impostare le pagine o le directory da rimuovere.

Se tale bug non fosse stato segnalato e rimosso, avrebbe consentito a chiunque di affondare i siti e le pagine concorrenti togliendole dalle SERP di Google agendo con strumenti del tutto leciti. Lo strumento di rimozione delle URL è oggi sospeso e si suppone che a breve sarà disponibile un aggiornamento atto a correggere proprio tale falla.

Notizie su: