QR code per la pagina originale

OLPC, ecco come sarà l’XO-3

Nicholas Negroponte ha parlato di alcune feature del nuovo tablet OLPC XO-3. Tra queste, si ipotizzano pannelli solari e Internet via satellite.

,

One Laptop per Child, l’associazione fondata da Nicholas Negroponte, sta progettando l’inserimento di nuove funzionalità e caratteristiche per l’XO-3, il nuovo tablet destinato ai Paesi in via di sviluppo che avrebbe dovuto concretizzarsi alla fine del 2010 ma che a quanto pare arriverà all’inizio del 2012. Negroponte vuole attirare un maggiore interesse verso il suo nuovo prodotto cercando di dotare il tablet di una gomma che lo protegga, un pannello con capacità di ricarica solare e funzionalità Internet via satellite. Si pensa anche alla possibilità di collegare una tastiera esterna per renderlo più comodo.

OLPC vuole uno schermo in grado di assorbire la luce ambientale per illuminare il display e ridurre il consumo energetico: prevede di utilizzare una versione ibrida dello schermo Pixel Qi, che può funzionare sia come un normale LCD cosicché possa visualizzare i video, sia in modalità e-ink per una lettura che non stanchi gli occhi dell’utente. I pannelli solari saranno probabilmente inseriti attraverso la gomma che copre il device.

L’XO-3 includerà anche una fotocamera sulla parte superiore dello schermo, un microfono, porte USB 2.0 e un jack per le cuffie. Il processore ARM posto al suo interno funziona al meglio con Android, Linux o Chrome: la possibilità Windows 8 è stata esclusa dall’associazione, e anche se a marzo 2009 Negroponte aveva chiesto a Craig Mundie, Chief Research and Strategy Officer di Microsoft, di sviluppare entro due anni una versione del nuovo sistema operativo che fosse ARM-friendly, la risposta è stata assolutamente negativa. OLPC ha perso interesse in Windows 8 e la scelta del sistema operativo si dirigerà pertanto verso uno tra Android, Chrome o Linux.

Nonostante le specifiche tecniche più ambiziose rispetto a quanto si preannunciava, Negroponte ha specificato che il nuovo tablet di OLPC costerà meno di 100 dollari. Ma è questo ormai più un marchio che non una ambizione reale, visto che ad oggi i risultati del progetto sono stati ben al di sotto degli obiettivi sbandierati nel tempo dal fondatore.

Fonte: TG Daily • Via: PC World • Immagine: Engadget • Notizie su: