QR code per la pagina originale

Google Fiber oltre 150 Mb/s nei primi test

,

C’è chi ancora soffre l’annosa piaga del digital divide e chi invece naviga a velocità stratosferiche nella grande Rete. Rientrano senza alcun dubbio nella seconda categoria alcune cittadine USA scelte dal colosso di Mountain View per la fase iniziale del progetto Google Fiber, al via lo scorso anno. I test sul campo dei primi fortunati utenti raggiunti parlano chiaro, come dimostra l’immagine di apertura diffusa in Rete da un residente nell’area di Palo Alto: 151,68 Mb/s in download e ben 92,79 Mb/s in upload.

L’idea di bigG è quella di fornire a una parte della popolazione a stelle e strisce la possibilità di accedere a Internet mediante una connessione di prim’ordine, ritenuta addirittura cento volte più performante rispetto a quanto offerto attualmente dagli operatori americani. A far bella mostra di sé, oltre ovviamente all’elevata banda disponibile in download, è la velocità dei dati caricati, così come il ping decisamente basso rilevato dalla prova effettuata con SpeedTest.net.

Google Fiber rappresenta, allo stato attuale, un progetto sperimentale, al quale possono aderire le comunità USA raccogliendo adesioni e inoltrandole direttamente all’azienda. L’iniziativa, va specificato, è al momento limitata al solo territorio statunitense (e con tutta probabilità rimarrà tale in futuro), quindi per disporre di una connessione dalle performance simili nel nostro paese toccherà attendere l’avvento di nuove tecnologie o l’ottimizzazione dell’attuale infrastruttura, che di certo non brilla per efficienza.

Notizie su: