QR code per la pagina originale

Quando il Kindle diventa tablet

Svelato in anteprima il prossimo tablet di Amazon, il quale entrerà a far parte della famiglia Kindle e avrà un prezzo pari a 250 dollari.

,

Un ibrido tra il tradizionale Kindle ed un tablet: sarà questa la natura del prossimo dispositivo che Amazon lancerà sul mercato nei prossimi mesi, collocandosi dunque a cavallo dei due settori per continuare a dominare in quello degli e-reader e tentare la sfida ad iPad in quello dei tablet. Ad annunciarlo è un giornalista di TechCrunch, il quale ha potuto toccare con mano quanto realizzato finora dal gruppo statunitense.

Il display del tablet sarà da 7 pollici retroilluminato, offrirà la possibilità di utilizzare gesture a due dita grazie al pannello multitouch capacitivo ed abbandonerà l’inchiostro elettronico. A bordo del dispositivo figura Android, modificato in numerosi aspetti dagli ingegneri Amazon: l’interfaccia risulta infatti profondamente diversa rispetto a quelle cui gli utenti sono abituati, con tinte di nero, blu ed arancione. La schermata iniziale mostra un’anteprima dei contenuti salvati sul tablet, dalle app alla musica, passando per i libri e i video.

La barra di stato contiene informazioni su diversi parametri del dispositivi e all’occorrenza diventa il canale con il quale il dispositivo comunica all’utente eventuali aggiornamenti disponibili, sia per le app che per i contenuti digitali. Questi ultimi, poi, risultano fortemente legati ai servizi forniti da Amazon: lo strumento per la consultazione di libri elettronici, ad esempio, non è altro che l’applicazione Kindle, già vista in altri contesti, mentre il riproduttore multimediale fa riferimento all’Amazon Cloud Player.  Nessuna applicazione presente in Android di default è disponibile nella versione realizzata da Amazon, così come non sembra esser presente l’Android Marketplace: il gigante delle vendite online ha infatti inserito il proprio store di app Android per offrire agli utenti la possibilità di installare nuovi software.

Il nuovo tablet di Amazon è poi fortemente improntato al cloud, ove potranno essere salvati diversi contenuti per non pesare sull’economia dello spazio disponibile per lo storage, il quale secondo i primi report potrebbe ammontare a “soli” 6 GB. Nessuno slot sembra esser presente per l’installazione di memory card, così come non è disponibile alcuna fotocamera. Dal punto di vista della connettività, invece, il dispositivo testato dal giornalista permette la navigazione esclusivamente mediante Wi-Fi, ma Amazon potrebbe in seguito siglare accordi con i carrier per fornire una versione 3G.

Il vero punto di forza del tablet targato Amazon è però un altro: per tuffarsi in un mercato già ricco di soluzioni che nel tempo non sono riuscite a scalfire l’egemonia di Apple ed iPad, infatti, il gigante delle vendite in Rete ha deciso di proporre un prezzo pari a 250 dollari per l’acquisto del dispositivo, ovvero meno della metà di quanto necessario per portare a casa un iPad entry level. Il successo delle vendite del TouchPad in seguito al ribasso dei prezzi, del resto, ha evidenziato ancora una volta come sia necessario abbassare l’asticella dei costi per poter avere qualche possibilità di contrastare la tavoletta di Cupertino: un’asticella che con Amazon potrebbe rapidamente iniziare a scendere, con diversi altri produttori che potrebbero seguirne l’esempio e distaccarsi dalla linea scelta da Apple per la distribuzione del proprio tablet.

Il dispositivo annunciato in anteprima da TechCrunch risulta essere sostanzialmente completo dal punto di vista hardware, motivo per cui non dovrebbero sopraggiungere importanti cambiamenti tecnici. Secondo il giornalista la produzione potrebbe essere già iniziata, o al più potrebbe iniziare nel corso delle prossime settimane. L’arrivo sul mercato dovrebbe avvenire nel corso del prossimo mese di novembre, in tempo per permettere agli utenti di avere un’ulteriore scelta per i regali natalizi. Il modello da 10 pollici, invece, farà la sua comparsa nel primo trimestre 2012, probabilmente nello stesso periodo in cui Apple presenterà l’iPad 3.

Fonte: TechCrunch • Immagine: BGR • Notizie su: