QR code per la pagina originale

Microsoft contro Android: nuovi accordi con Acer e ViewSonic

,

Microsoft ha annunciato la sottoscrizione di due accordi relativi alle licenze Android con Acer e ViewSonic. Continua dunque la “crociata” contro il sistema operativo di Google che violerebbe numerosi brevetti in suo possesso. Il primo produttore che ha deciso di trovare un’intesa con l’azienda di Redmond è stato HTC. Per ogni smartphone venduto, vengono versati 5 dollari nelle casse di Microsoft.

Horatio Gutierrez, responsabile della Intellectual Property and Licensing in Microsoft, è ovviamente molto soddisfatto dell’accordo sottoscritto con Acer:

Siamo contenti che Acer abbia deciso di sfruttare il nostro programma di licenza creato per aiutare le aziende a risolvere la questione dei brevetti legati ad Android. Questo accordo è un esempio di come i leader del settore possano raggiungere intese commercialmente ragionevoli.

Per ViewSonic l’accordo è simile, ma oltre ad Android include anche Chrome. Ciò significa che anche il browser di Google e Chrome OS potrebbero violare brevetti per i quali ora Microsoft riceverà le dovute royalties. Ricordiamo che ci sono “contrattazioni” in corso con altre aziende, tra cui Samsung, alla quale sono stati chiesti addirittura 15 dollari per ogni smartphone Android venduto.

Motorola invece non ha accettato nessun accordo e la questione verrà risolta davanti ad un giudice. Finora Microsoft non ha accusato apertamente Google, anche se proprio a seguito dell’acquisizione dell’azienda statunitense, lo scontro potrebbe diventare più diretto. In ogni caso, con la cosiddetta “tassa Android”, la diffusione di Windows Phone sul mercato potrebbe essere più veloce, a causa del possibile aumento dei costi legati al sistema operativo di Google.

Notizie su: