QR code per la pagina originale

Windows 8, la keynote di presentazione

La seconda giornata della conferenza BUILD è dedicata alla keynote di Steven Sinofsky ed all'approfondimento delle caratteristiche di Windows 8.

,

Anaheim – Nella keynote di oggi Steven Sinofsky ha confermato sostanzialmente quanto annunciato ieri nella presentazione di Windows 8 alla stampa: il sistema permetterà di eseguire praticamente qualunque applicazione che giri su Windows 7, integrerà le funzioni di Windows Live ed il consumo di memoria è stato ridotto fino al 50%.

Agli sviluppatori presenti (circa 2500/3000 persone) è stato regalato il tablet Samsung per sperimentare i tools di sviuluppo (Visual Studio 2011 ed Expression blend 5) animato da un contratto dati AT&T per un anno. Il tablet presenta al proprio interno una batteria che occupa il 40% dello spazio, molto utile per alimentare il processore quadcore del terminale ma causa prima dei problemi di peso del device.

Rispetto alla presentazione di ieri sono state enfatizzate le possibilità di interscambio di immagini e file tramite SkyDrive, il che permette la ricerca anche su dischi di computer remoti oltre che nella cloud.

Notevole anche l’implementazione di hyper-v: le macchine virtuali hanno prestazioni pressoché simili a quelle dell’host. Il tutto misurato con il nuovo task manager, che fornisce le performance con grafici dedicati a ogni variabile (CPU memoria, wireless, etc.) e che mette in mostra le applicazioni in stato di “sospensione”, ovvero quelle che sono state aperte in Metro e non sono attualmente visualizzate.

Sono state dimostrate inoltre le nuove funzionalità del pannello di controllo:

  • reset: riporta il pc allo stato iniziale dell’installazione (un po’ come la vecchia formattazione);
  • refresh: riporta il pc alle sue impostazioni iniziali, mantenendo dati, personalizzazioni dell’utente e le applicazioni, ma solo quelle scaricate dal Microsoft Store.

La roadmap per la distribuzione definitiva è segnata: alla attuale Developer Preview, seguirà la Beta, quindi la RC, la RTM e la definitiva. Al momento Microsoft non si è pronunciata in alcun modo sui tempi entro cui si prevede di raggiungere la distribuzione ufficiale, ma già la versione attuale sembra non essere troppo immatura.

Per tutti gli sviluppatori saranno disponibili fin da domani la developer preview, l’sdk e i tool di sviluppo per iniziare a creare le applicazioni della nuova era di Windows.

Notizie su: