QR code per la pagina originale

IVA al 21%: rincarano i prodotti Apple

Il cambio dell'aliquota IVA, passata dal 20 al 21%, si fa sentire anche sui prodotti di Apple: Cupertino ha già aggiornato tutti i listini e i rincari sono in alcuni casi ingenti.

,

La legge che ha portato all’aumento dell’IVA dal 20 al 21% è divenuta appena operativa e ha portato con sé una serie di polemiche e in moltissimi prodotti si è subito registrato un aumento dei prezzi. Anche Apple si è adeguata alla nuova manovra fiscale e ha pertanto aumentato immediatamente i prezzi di iPhone, iPod, Mac, iPad e accessori, aggiornandoli al nuovo valore dell’IVA.

Tanto per fornire un esempio, l’iPhone 4 da 16 GB passa da 659 euro a 664,50 euro, mentre il modello da 32GB passa da 779 euro a 785 euro. E ancora: iPod shuffle da 55,45 euro, iPod classic a 249,05 euro, iMac a 1158,58 euro, tutto un fiorire di virgole e centesimi frutto dell’aggiunta dell’1% all’IVA. Un aumento che va a pesare sul consumatore finale, e che riguarda tutti i prodotti presenti su Apple Store: i listini aggiornati dal negozio virtuale di Cupertino per l’Italia sono i più alti d’Europa, si segnala, se si esclude il Portogallo.

Come però segnala il Codacons attraverso la voce del presidente Carlo Rienzi, si teme che i negozianti possano approfittare dell’aumento dell’IVA per porre al rialzo anche i propri listini:

Il timore è che possa verificarsi ciò che è avvenuto durante il passaggio dalla lira all’euro, ossia arrotondamenti dei listini sempre al rialzo, e quindi sempre a danno dell’acquirente finale. Abbiamo visto come la normativa italiana ed europea che regolava gli arrotondamenti durante il changeover, sia stata disattesa dalla maggior parte degli esercizi commerciali con danni immensi per i cittadini, che hanno subito rincari ingiustificati.

Notizie su: ,