QR code per la pagina originale

Apple con Elpida e Toshiba per le memorie, addio Samsung?

Apple, sempre più indipendente da Samsung per la fornitura di componenti hardware, firma con Elpida e Toshiba per le memorie interne dei dispositivi

,

I rapporti tra Apple e Samsung, dopo una partnership durata anni per la fornitura di componenti hardware da integrare nei dispositivi di Cupertino, sembrano ormai essere giunti al capolinea. In seguito alla firma della mela morsicata con TSMC (Taiwan Semiconductor Manufacturing Company) per la produzione dei nuovi processori A6 e A7, l’azienda californiana sembra aver preso accordi anche con Elpida e Toshiba per quanto riguarda le memorie interne.

La causa di questo graduale ma costante distacco da Samsung è facilmente individuabile nella battaglia legale che vede le due realtà impegnate su più fronti da ormai quasi sei mesi. Alla base di tutto le reciproche accuse sferrate, dall’una e dall’altra parte, per rivendicare la paternità di brevetti e funzionalità di smartphone e tablet come iPhone, iPad, Galaxy e Galaxy Tab.

A parlare della nuova strada intrapresa da Apple è DigiTimes, identificando proprio in Elpida e Toshiba i due nuovi partner, rispettivamente per quanto riguarda gli ordinativi di memorie NAND flash e RAM. Si tratta di due segmenti di mercato fino ad oggi quasi monopolizzati dal colosso sudcoreano che, in seguito all’accordo siglato con Cupertino nel 2005, è arrivata di recente a coprire circa il 40% della produzione di memorie DRAM e il 30% di quelle NAND flash a livello mondiale.

Percentuali che sembrano dunque destinate a ridimensionarsi in futuro, a causa dello scontro che, negli ultimi tempi, ha portato prima al blocco della commercializzazione del tablet Samsung Galaxy Tab 10.1 sul territorio tedesco, e poi alla reazione della controparte finalizzata a fare lo stesso con l’iPhone 5, smartphone che potrebbe essere annunciato in via ufficiale il 4 ottobre.

Notizie su: