QR code per la pagina originale

GMail, tre novità per la versione mobile

GMail presenta alcune novità per la versione mobile, introducendo la risposta automatica, la firma in calce alle email e la gestione di più account.

,

GMail, il servizio di posta elettronica firmato Google, si rinnova ed introduce una serie di novità dedicate agli utenti mobile, sempre più importanti nell’economia della Rete. Si parte dal multiaccount e si arriva alla possibilità di gestire lo strumento di risposta automatica, passando prima però per la creazione di una firma da apporre ai messaggi inviati dal proprio smartphone o tablet.

Riproponendo una feature già vista nell’edizione desktop, GMail mobile permette ora di utilizzare più account all’interno dello stesso browser, con la possibilità di passare da uno all’altro in pochi tocchi di dita. Un apposito pulsante è stato posizionato alla fine dell’elenco dei messaggi in arrivo, tramite il quale è possibile aprire una pop-up con la quale aggiungere nuovi account oppure passare ad altri già inseriti in precedenza. In questo modo sarà possibile sfruttare ogni singolo account GMail posseduto senza dover effettuare ulteriori operazioni di login.

La seconda novità riguarda invece la firma in calce ai messaggi di posta elettronica inviati. Caratteristica tipica dei dispositivi mobile è quella di integrare al proprio interno sistemi di correzione automatica del testo inserito che in diverse occasioni può causare malintesi nella comunicazione, con parole modificate automaticamente e non rilevate dall’utente: per porre rimedio ad eventuali incomprensioni Google ha pensato di integrare una firma da inserire alla fine dei messaggi inviati dalla versione mobile di GMail, così da specificare che tale email è stata scritta tramite tale tipologia di device.

L’elenco dei cambiamenti è chiuso dall’introduzione di un’apposita interfaccia per la gestione delle risposte automatiche, finora appannaggio esclusivo dell’edizione desktop del servizio di posta elettronica del colosso delle ricerche. In questo modo sarà possibile configurare una risposta automatica ovunque ci si trovi, direttamente dal proprio smartphone.

Fonte: Google • Notizie su: