QR code per la pagina originale

Forza Motorsport 4, prova su strada

Anteprima dell'imminente quarta iterazione del noto gioco di guida per Xbox.

,

Forse in pochi diedero importanza al primo Forza Motorsport quando uscì sulla vecchia Xbox, ma già dalla seconda versione l’ormai noto gioco di guida si era fatto un nome e, oggi. Forza Motorsport è uno dei franchise di punta della Xbox 360. Non a caso, tutto il settore marketing di casa Microsoft è stato completamente dedicato al suo lancio mondiale, inclusa la presentazione a porte chiuse a cui abbiamo preso parte.

La versione da noi provata di Forza Motorsport 4 è, di fatto, quella definitiva, sebbene il lancio previsto per il 14 ottobre consenta qualche ritocco dell’ultimo minuto.

Come ci aspettavamo, la riproduzione delle varie supercar del gioco targato Turn 10 è maniacale, con la massima fedeltà ricercata sia per la vista sia per l’audio (il rombo delle Ferrari 599 GTO usata per la nostra prova è indimenticabile!). Forza Motorsport 4 restituisce la sensazione di entrare realmente dentro l’auto, dall’apertura della portiera al prender posto al volante, permettendoci persino di interagire con i vari comandi, con tanto di zoom per visualizzare ogni minimo dettaglio e una voce fuori campo che ci snocciola le caratteristiche tecniche dell’auto in cui siamo.

Come ben sa chi è appassionato di giochi di corsa, però, sono due gli aspetti che contano in questo ambito, il primo è il motore grafico, capace di gestire al meglio luci, materiali e ambiente durante le gare; il secondo è il piacere nella guida. Nel caso di Forza Motorsport 4 troviamo un convincente mix tra realismo e componente ludica prettamente arcade.

Infatti, Forza Motorsport 4 gira con estrema fluidità a piena risoluzione HD e con frame rate fisso a 60 fps. Dal punto di vista grafico, è dunque una gioia per gli occhi: la tecnologia Image-Based Lighting porta a risultati eclatanti gli effetti di luce e ombra, restituendo anche ambientazioni molto curate.

Abbiamo provato molte auto durante il nostro test, dall’Alfa Romeo Giulietta al prototipo Aston Martin One-77, passando per le mitiche BMW 635 CSi e M3 e una Porsche GT2 RS con assetto da gara. Ogni auto è riprodotta nei minimi dettagli.

La stessa cura è stata dedicata anche al realismo grafico e sonoro per quel che concerne le prestazioni e il comportamento su strada delle vetture.

Altro aspetto che ci ha colpito positivamente Forza Motorsport 4 è la possibilità di giocare come meglio si desidera, passando da un livello di difficoltà facile, che attenua l’aggressività degli avversari e facilità la fisica della vettura, fino al più difficile, con un’IA sopraffina che controlla avversari con il coltello fra i denti e rende la macchina sensibile come la controparte reale.

Siamo partiti con il semplice controller wireless, impostando un livello medio di difficoltà e scegliendo una gagliarda Giulietta anni ’60; non abbiamo avuto difficoltà nel guidarla sulle strade di un passo alpino, in Svizzera. La risposta dei comandi è precisa, si avverte (ma non troppo) il peso dell’auto in curva, mentre in accelerazione e frenata abbiamo trovato meglio implementata la fisica della vettura. Passando a un livello superiore, ma con quasi tutti gli aiuti alla guida inseriti, il controllo dell’auto con il joypad è rimasto agevole, tant’è che non abbiamo nemmeno registrato un reale incremento della difficoltà.

Di fatto, Forza Motorsport 4 offre la vera sfida, e il vero piacere di guida, scegliendo la personalizzazione delle opzioni a livello Pro, togliendo, per esempio, frenata e sterzata assistiti e portando gli avversari alla massima bravura.

Per godere appieno dell’esperienza di gioco di Forza Motorsport 4 è  consigliabile disporre di una postazione di guida con volante e pedaliera, condizione in cui il gioco convince ancor più in quanto a realismo, regalando al giocatore la sensazione di trovarsi realmente dentro una vettura da corsa, ricevendo reazioni assai realistiche dalla stessa.

Tuttavia, una delle novità più importanti di Forza Motorsport 4 è l’integrazione con Kinect, che offre quattro livelli di controllo: il primo è con il volante virtuale per il player casuale, il secondo integra il controllo dell’auto con il joypad rilevando i movimenti della testa per la visuale, il terzo implementa il controllo vocale e il quarto, chiamato Autovista, consente di usare il corpo per i movimenti dentro e fuori la vettura nell’autosalone, soluzione senza precedenti.

Tra le altre novità di Forza Motorsport 4 troviamo il World Tour in modalità Carriera (man mano che si avanza nel gioco, si sbloccano sfide e auto da guidare sui vari tracciati) e i dati sui consumi e sulle performance delle gomme (frutto della stretta collaborazione con Pirelli) per e nelle varie condizioni climatiche e sui diversi tipo di asfalto dei numerosi tracciati guidabili, così da aggiungere un ulteriore tocco di realismo durante le sfide.

Anche la community virtuale è stata tenuta in grande considerazione dallo sviluppatore: i giocatori di Forza Motorsport 4 sono definiti “socially engaged”, si divertono con le auto che amano condividendo le proprie esperienze o sfidandosi ondine e hanno a disposizione il Car Club, un circolo privato in cui invitare amici per condividere il proprio garage, le proprie auto e programmare gare altamente personalizzate.

Notizie su: