QR code per la pagina originale

iPhone 4S nei tagli da 16GB, 32GB e 64GB?

Nuove indiscrezioni emergono su iPhone 4S: potrebbe essere diffuso in tagli da 16, 32 e 64 GB.

,

Tra le custodie e le indiscrezioni provenienti dagli inventari di At&T oramai su iPhone 4S abbiamo quasi più certezze che dubbi. Tuttavia, un nuovo rumor in circolazione sul Web afferma con relativa sicumera che il cosiddetto modello N94 – per l’appunto, iPhone 4S – sarà commercializzato in addirittura tre tagli diversi di memoria.

Nell’ultima puntata si era parlato di un iPhone 4S derivato direttamente dal design dell’iPhone 4, ma con un processore A5 più performante e una fotocamera migliore da 8 MegaPixel; si era anche parlato di materiali meno nobili rispetto alle attuali generazioni di telefoni con la Mela, ma tutto è possibile. Stando alle ultime indiscrezioni, infatti, il nuovo iPhone low cost potrebbe essere reso disponibile in tre tagli: il dito è puntato sulla tripletta 16GB, 32GB e 64GB, ma per quanto ne sappiamo potrebbe pure trattarsi invece di 8GB, 16GB e 32GB o tutt’altra combinazione di capacità, non necessariamente in sequenza.

La possibilità di un inedito taglio da 64 GB, tuttavia, potrebbe risultare giustificata da quel prototipo di iPhone 4 con 64 GB di memoria scovato in Cina tempo addietro, nome in codice N90A:

“Il proprietario di questo prototipo ingegnerizzato ci ha detto di averlo ottenuto da una fonte che ne possiede piccole quantità. Si tratta sicuramente di originali provenienti dalle fabbriche di Foxconn a Shenzhen. Per di più, almeno secondo il proprietario, è probabile che il prossimo iPhone porterà agli utenti i 64 GB di spazio dedicato allo storage.”

Certo, al tempo si trattava di un comune iPhone 4 cui Apple, per motivi di test interni, aveva abbinato una memoria ipertrofica non disponibile per i comuni mortali. Tuttavia, sebbene questa sia quanto meno la prova inconfutabile che a Cupertino c’è interesse verso una simile soluzione, non è dato sapere se effettivamente giungerà su sugli scaffali dell’Apple Store; per fortuna, per saperlo non occorrerà neppure attendere troppo a lungo: il prossimo 4 ottobre ogni dubbio sarà dissipato.