QR code per la pagina originale

Anonymous contro Wall Street: attacco il 10 ottobre

Il famoso gruppo hacker promette un lunedì nero di Wall Street, per vendicare gli arresti di chi ha protestato davanti alla Borsa di New York.

,

Nelle intenzioni di Anonymous dovrebbe esserci la versione 2.0 del famoso lunedì nero di Wall Street. Il prossimo 10 ottobre il NYSE (New York Stock Exchange) sparirà da Internet. Questo è l’avviso diramato dal più famoso gruppo di hacker del mondo.

I pirati informatici riuniti dietro il simbolico volto di “V per Vendetta” vogliono sostenere la motivazioni della protesta Occupy Wall Street, che da settimane vede centinaia di giovani manifestare davanti alla Borsa americana il proprio sdegno per il salvataggio economico di banche e finanzieri ritenuti responsabili della grave crisi occupazionale che colpisce in particolare le nuove generazioni.

Indignados a stelle e strisce, ai quali si sono aggregati personaggi noti della cultura e dello spettacolo, a partire dal sociologo Noam Chomsky e il regista Michael Moore, che col suo “Capitalism: a love story” ha denunciato la follia speculativa che ha trascinato mezzo pianeta nella più grave crisi economica dal dopo guerra.

Ora scende in campo Anonymous, con il suo stile: un messaggio e un video che premettono la situazione, denunciano i colpevoli e anticipano l’azione dimostrativa. Che ancora non si conosce, ma è probabile che sarà un Distributed Denial-of-Service (DDoS) contro il Nyse.com, ma nella blogosfera c’è chi prevede un’azione molto più grande, come ad esempio un blocco della contrattazioni, che comporterebbe danni per miliardi alle corporation (ma anche ai risparmi di molti americani). Questo il testo della rivendicazione:

Gli eventi all’interno di Wall Street hanno attirato la nostra attenzione. Sembra che il governo e le agenzie federali godano a far rispettare un po’ troppo la legge. Instaurano leggi ingiuste come automi senza cervello, seguono ciecamente gli ordini con precisione e senz’anima.

Siamo testimoni di un governo che fa rispettare leggi che puniscono il 99 percento delle persone, consentendo all’uno percento di sfuggire alla giustizia, senza punizione, per i loro crimini contro il popolo. Abbiamo visto questo governo fallire nel far rispettare anche i minimi vincoli legali contro gli abusi di Wall Street. Questo governo ha volontariamente ignorato l’avidità di Wall Street e ha persino tirato fuori dai guai i responsabili della crisi.

Non staremo a osservare il sistema sottrarci in nostro modo di vivere. Il popolo deve reagire contro l’immobilismo del governo, non sarà testimone della vostra corruzione e dei profitti illeciti. Non lavoreremo per il vostro comodo, non vi assisteremo in alcun modo.

Questo è il motivo per cui abbiamo deciso di dichiarare la nostra guerra al New York Stock Exchange. Non possiamo più rimanere il silenzio mentre la popolazione è sfruttata e costretta a fare sacrifici nel nome del profitto. Mostreremo al mondo che siamo fedeli alla nostra parola. Il 10 ottobre il NYSE sarà cancellato da Internet. Il 10 ottobre aspettatevi un giorno che non sarà mai dimenticato.”

Notizie su:
Commenta e partecipa alle discussioni