QR code per la pagina originale

Google Docs prova la strada dei tablet

Un aggiornamento rende Google Documenti navigabile e gestibile perfettamente anche con computer tablet Android. Rimangono alcuni problemi nell'editing.

,

Google Documenti, il servizio che permette di creare e gestire fogli di lavoro comodamente dal proprio browser come se si trattasse di un comune software di scrittura, è disponibile come applicazione Android già dall’inizio di quest’anno. Il servizio, però, non ha mai avuto un buon rapporto con le tavolette digitali, almeno fino ad oggi. Un nuovo aggiornamento di Google Docs infatti, ottimizza l’interfaccia utente per i computer tablet dotati di sistema operativo Android 3.0 “Honeycomb”.

Il nuovo Google Docs permette ai generosi schermi dei tablet di avvantaggiarsi di una comoda visualizzazione che divide il layout in in tre grandi blocchi verticali, rendendo più intuitiva e semplice la gestione dei documenti tramite tavoletta. Sarà possibile navigare attraverso filtri e collezioni, guardare l’elenco dei documenti e controllarli nel dettaglio, tutto nello stesso momento. Altre caratteristiche dell’aggiornamento riguardano la presenza di un pannello che mostra thumbanail e condivisione delle informazioni; un sistema di completamente automatico che migliora la condivisione delle esperienze; una modalità orizzontale o verticale e una migliorata riproduzione video.



L’aggiornamento, quindi, c’è e si sente, ma permane ancora un piccolo problema. L‘editing, infatti, a differenza della struttura dei menù, non è stato ottimizzato per i tablet. Quando si tenta di modificare un documento, torna a palesarsi la stessa, piccolissima, interfaccia grafica dedicata agli smartphone. Digitare sui documenti diventa quindi un’operazione molto scomoda e difficile. Confidiamo che Google ponga una soluzione a questo problema con il prossimo update. Per ora, il servizio su tablet rimane utile solamente per la navigazione e consultazione, non altrettanto per la produzione o la modifica dei documenti in possesso.

Fonte: Google Mobile Blog • Via: Socialtimes • Immagine: Google • Notizie su: